Excite

Abdelhamid Abaaoud, terrorista morto nel blitz di Saint Denis: era la "mente" degli attentati a Parigi

  • Twitter @virgilio_it

A sei giorni dalla strage di Parigi e 24 ore dopo l’operazione antiterrorismo delle forze speciali nel covo degli jihadisti di Saint Denis, la Francia accoglie con un sospiro di sollievo la notizia della morte della "mente" degli attentati del 13 novembre: si tratta del 28enne belga Abdelhamid Abaaoud, ucciso ieri nel corso del blitz dei tiratori scelti.

Le ultime parole della donna kamikaze prima di morire: il video shock in rete

L’annuncio dell’eliminazione del pericoloso “combattente” vicino all’Isis è arrivato in tarda mattinata per bocca del primo ministro Manuel Valls, che parlando ai deputati dell’assemblea legislativa nazionale ha confermato quanto poco prima trapelato da fonti americane, sulla base dei fatti poi resi ufficiali dalla Procura di Parigi al termine di una rapida indagine.

Crivellato di proiettili sparati dalle teste di cuoio durante il lungo conflitto a fuoco nel rifugio dei terroristi a Saint Denis, il corpo senza vita di Abaaoud si trovava in un appartamento dello stabile (a pochissimi chilometri dall’aeroporto "De Gaulle" e dalla sede della Difesa, entrambi obiettivi della cellula europea dello Stato Islamico) assediato dalla polizia per ore e “liberato” con un bilancio finale di 2 vittime, 8 fermi e cinque feriti tra gli agenti.

(Abaaoud, ricercato numero 1 per gli attentati di Parigi è morto nel blitz di Saint Denis)

Il terrorista morto nel raid del 18 novembre a nord di Parigi, stando alle informazioni fornite alla stampa dal ministro dell’Interno del governo socialista Bernard Cazeneuve, apparteneva ad un gruppo di simpatizzanti dell’Isis impegnato da mesi in attentati nella Capitale francese ed in particolare coinvolto in almeno quattro degli attacchi sventati in extremis dall’intelligence in primavera.

Proprio oggi, il piano di prolungamento dello stato di emergenza decretato dal presidente Francois Hollande dopo gli attentati del 13 novembre ha ricevuto il consenso del parlamento ai fini del rinnovo della legge speciale per una durata complessiva di tre mesi.

La giornata era iniziata in un clima di alta tensione, a causa delle rivelazioni del premier Valls sul rischio di futuri attacchi con armi chimiche e batteriologiche” in Francia degli jihadisti affiliati allo Stato Islamico.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017