Excite

Aborto, il libro scandalo di Irene Vilar

Ha suscitato clamore negli Stati Uniti il libro di Irene Vilar, 40 anni, una donna americana che ha confessato di aver interrotto la gravidanza 15 volte in 17 anni. Il libro, dal titolo "Impossibile Motherhood: Testimony of an Abortion Addict", racconta la dipendenza della donna nei confronti dell'aborto. In seguito all'uscita del libro Irene ha ricevuto minacce di morte dal fronte anti-abortista. La donna ha scritto di aver abortito non per povertà o paura, ma per far dispetto al primo marito, colpevole di averla ossessionata più volte per scongiurare la nascita di figli.

Nel libro si legge: "Si vantava della brevità delle sue relazioni, che non hanno mai superato i 5 anni. Diceva che avere bimbi uccide il desiderio sessuale". Così Irene si dimenticava di prendere la pillola e poi abortiva per non farsi lasciare. "Certamente questo non significa che io volessi rifarlo a oltranza - si legge ancora - Anche un tossicodipendente si vuole fermare ogni volta". La donna ha spiegato: "Molte donne hanno scritto libri per raccontare le loro esperienze con l'anoressia o con la bulimia e motivare i loro comportamenti. Nel libro faccio la stessa cosa con l'aborto". Certo non deve essere stato facile, così come non è stato facile trovare un editore. Secondo quanto raccontato dall'autrice, infatti, il manoscritto è stato rifiutato da 51 editori, prima di essere accettato da Other Press.

Il "legame" con l'aborto per Irene è iniziato all'età di 16 anni ed è proseguito fino al compimento dei 33. Ora la donna vive a Denver, è sposata con un altro uomo e ha due figlie. Di certo il libro da lei scritto le ha dato notorietà, ma non solo. "Ho ragioni di temere per la mia vita - ha confessato Irene - Odio la posta. Non voglio essere considerata una sorta di 'massacra-bambini' o apparire in qualche poster per fondamentalisti contro l'aborto".

Foto: www.irenevilar.com

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016