Excite

Adolf Hitler e l'idea di insegnare ai cani a parlare

Secondo il quotidiano britannico The Telegraph, il dittatore tedesco Adolf Hitler voleva creare un esercito di cani che lo aiutassero a vincere la guerra. E per farlo aveva ordinato alle SS di radunare i cani più intelligenti da tutta la Germania e di addestrarli, anche a parlare. L'dea era quella di usare i cani come guardie, in modo da poter liberare gli uomini da inviare al fronte.

Sembra che uno dei cani raccolti ed addestrati abbaiava la parola Mein Fuhrer quando gli veniva chiesto chi fosse Adolf Hiltler e un altro faceva ragionamenti sulla religione e la poesia battendo la zampa per terra.

A rivelare l'esperimento 'Wooffan SS' il dott. Jan Bondeson dell'Università di Cardiff, che per anni ha compiuto approfondite ricerche sul Terzo Reich e ha raccontato tutto nel libro 'Amazing Dogs: A Cabinet of Canine Curiosities'. A quanto pare Hitler aveva fondato e supportava la Tier-Sprechschule ASRA, dove si addestravano i cani. La scuola, aperta negli anni Trenta, si trovava a Leutenburg vicino ad Hannover ed era diretta da Margarethe Schmitt.

Tra i cani addestrati il più dotato era Rolf, un terrier che battendo la zampa per terra riusciva a comporre le lettere dell'alfabeto. Poi c'era Kurwenal che abbaiava i numeri e Don che pare imitasse la voce umana nel dire 'Ho fame! Dammi la torta!'.

Foto: wikipedia.org

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017