Excite

Agnese Landini, la moglie di Matteo Renzi in corsia preferenziale col pass del sindaco: 'beccata' da Panorama

  • Panorama

Infrazione al codice della strada o furbizia? Agnese Landini, moglie di Matteo Renzi, è stata 'beccata' da un fotografo freelance a percorrere diversi tratti di corsia preferenziale con la vettura e il pass del marito e quando ha saputo che la storia sarebbe stata pubblicata su Panorama ha fatto mea culpa, non chiarendo però se ha agito con la consapevolezza di rischiare la multa o con la tranquillità di chi invece sa di non avere nulla da temere grazie al tagliando col permesso del Comune ben esposto sul cruscotto.

Ilda Boccassini paparazzata su Chi: un altro pedinamento in stile Mesiano

La vicenda risale alla mattina dello scorso 31 ottobre. Come racconterà poi la signora Landini in Renzi, quel giorno era in ritardo e così, per guadagnare tempo, nei 20 km di strada che separano la casa dove vive con il marito e i figli a Pontassieve e la scuola dove insegna a Poggio Imperiale ha percorso diversi tratti di corsia preferenziale.

Tuttavia, ingenuamente o perché in effetti in buona fede e quindi preoccupata solo di non incappare nei vigili, la moglie del sindaco Renzi non ha pensato che se ancora non è una celebrità (per luce riflessa) poco ci manca e che il suo gesto avrebbe avuto comunque delle conseguenze. Un fotoreporter, infatti, ha notato la macchina del primo cittadino e quando ha visto che a bordo non c'era il legittimo proprietario ma la consorte, che utilizzava le corsie preferenziali con il pass "Servizio Istituzionale" chiaramente visibile, l'ha seguita e ha scattato un bel po' di immagini 'compromettenti'.

Il servizio poi è arrivato a Panorama (settimanale del Gruppo Mondadori) e di fronte all'uscita del numero con le foto 'imbarazzanti' - prevista per giovedì 7 novembre - la signora Landini ha cercato di metterci una pezza, che però non le è riuscita benissimo.

"Ero in ritardo per andare a scuola, ho preso una corsia preferenziale, ho sbagliato. Non risuccederà. Mi scuso se ho offeso la sensibilità di qualcuno e mi spiace richiamare su di me e sul mio lavoro un'attenzione che non voglio", ha detto infatti la moglie di Renzi, secondo quanto riporta Il Corriere della Sera, aggiungendo poi: "Stavo guidando la macchina privata di mio marito Matteo. D'ora in poi starò attentissima a togliere il tagliando del permesso del Comune di Firenze quando userò io l'auto. Quella mattina non l'ho fatto e mi dispiace molto".

Scuse e ammissione di colpa (anche di un'eventuale infrazione fatta con la consapevolezza di rischiare la multa) che si scontrano però con quanto dichiarato dopo: "Sentirmi paragonata alla casta per aver percorso, sbagliando, qualche centinaio di metri di preferenziale mi sembra profondamente ingiusto. Ma mi aiuterà per il futuro a stare più attenta", ha detto infatti la signora Landini, che ha concluso: "Sono una persona normale, che non riesce ad abituarsi all'idea di essere pedinata, tutti i giorni, da fotografi alla ricerca di presunti scoop, come gli autori di questo servizio o come i loro colleghi che mi hanno ripreso mentre giocavo con i miei bambini nel giardino di casa". E d'accordo sul fatto che la privacy è sacrosanta, ma il punto qui è un altro: la corsia preferenziale l'ha imboccata lei, mica i reporter e i giornalisti, e dal momento che è la moglie del candidato alla segreteria del Pd in ultima istanza alla guida del Paese... Insomma, il suo non è esattamente un gesto edificante, tantomeno se fatto con la consapevolezza di passarla liscia.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017