Excite

Al Cern di Ginevra temperature da Big Bang

Il più grande acceleratore di particelle al mondo, sito presso il Cern di Ginevra, ha prodotto degli importanti risultati. Il Large Hadron Collider (Lhc), ha generato, a seguito delle prime collisioni tra ioni di piombo delle temperature di migliaia di miliardi di gradi, paragonabili a quelle esistite nei primi milionesimi di secondo dopo il Big Bang.

'Con questi primi esperimenti abbiamo cominciato già a vedere qualcosa e comincia a partire un programma di fisica per studiare il comportamento dell'universo nei suoi primi istanti di vita- ha detto Federico Antinori, coordinatore delle misure relative alle collisioni di ioni pesanti dell'esperimento Alice e della sezione di Padova dell'Istituto nazionale di Fisica Nucleare (Infn)- Alle temperature estreme ottenute oggi, inesistenti perfino nel cuore delle stelle, diventa infatti possibile osservare la materia primitiva, com'era prima che assumesse le caratteristiche che ha attualmente'.

La bonta dell'esperimento è stata sottolineata anche da Roberto Petronzio, presidente dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. 'E' la prima volta che porzioni di materia più vaste rispetto a singoli protoni vengono sottoposte a temperature così elevate. Quello che si verifica in queste condizioni è una transizione di fase, ossia qualcosa di simile a quello che accade quando l'acqua diventa vapore o quando un metallo si scioglie'.

Le altissime temperature originata dall'acceleratore (migliaia di miliardi di gradi) hanno infatti permesso agli 'agglomerati' di particelle (quark e gluoni) che in condizioni normali sono saldamente intrappolati nel nucleo di scioglieri, con conseguente 'liberazione' di quark e gloni stessi.

(foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017