Excite

Alì Agca visita la tomba di Giovanni Paolo II, blitz a sorpresa in Vaticano 34 anni dopo l’attentato

  • Twitter @TilmannKk

L’intento di fare visita alla tomba di Giovanni Paolo II era stato a suo tempo stato reso noto alla stampa da Alì Agca, ma nel giorno dell’anniversario dell’incontro tra l’allora Pontefice e l’attentatore che sparò alla massima autorità spirituale cattolica in piazza San Pietro, il “lupo grigio” è tornato a farsi sentire, non prima di aver reso omaggio al Papa polacco.

Una statua per Giovanni Paolo II davanti alla stazione Termini di Roma: polemiche

Era il 27 dicembre del 1983 quando Karol Wojtyla varcò la soglia del carcere di Rebibbia per concedere la grazia del perdono all’uomo che voleva ucciderlo con un colpo di pistola alla testa nel luogo simbolo della comunità cristiana mondiale.

A 31 anni di distanza dall’attentato, Mehmet Alì Agca ha voluto attirare nuovamente su di sè l’attenzione dei media italiani e il gesto di “devozione” offerto in occasione dell’anniversario non poteva che far discutere, anche per le parole scelte ancora una volta dallo storico militante della formazione di estrema destra dei Lupi grigi turchi.

(La pistola dell’attentato a Papa Wojtyla consegnata al museo polacco di Watowice)

“Quel giorno si è compiuto un miracolo, il terzo segreto di Fatima” si è spinto a dichiarare Agca riferendosi alla morte sfiorata da Giovanni Paolo II dopo gli spari che la mattina del 13 maggio 1981 rischiarano di cambiare il corso della storia, con fondati timori di pesanti contraccolpi sugli equilibri mondiali poi scongiurati dall’evoluzione positiva delle condizioni di salute del Pontefice.

Nonostante il fermo da parte di alcuni poliziotti e il seguente interrogatorio nei locali dell’Ispettorato Vaticano, l’ex terrorista internazionale e pluriomicida tornato recentemente in libertà al termine di una lunga detenzione tra l’Italia e la Turchia è riuscito a raggiungere il sepolcro di Karol Wojtyla.

Intervistato da alcuni giornalisti presenti sul posto, Alì Agca ha gridato proclami sulla “fine del mondo” in arrivo, chiudendo con un “viva Gesù Cristo, unico redentore” l’ennesimo show a Piazza San Pietro.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017