Excite

Anche i formaggi hanno adesso la loro carta d'identità

A Bra, in provincia di Cuneo, in occasione della terza giornata della rassegna internazionale sulle forme del latte, "Cheese", è stata presentata una vera e propria rivoluzione nell'ambito della sicurezza alimentare e della lotta ai falsi che riguarda i formaggi. Si tratta della carta d'identità elettronica per formaggi. Un sottile microchip che inserito nel formaggio è capace di rivelare tutti i dati del prodotto, dall'esatto terreno di pascolo al tipo di erba mangiata dalla vacca o dalla capra e all'ora della mungitura.

Come sottolineato dal quotidiano Il Messaggero, il progetto per i formaggi d'alpeggio è stato avviato dalla Camera di Commercio di Torino, dal dipartimento Agroselviter dell'Università del capoluogo piemontese e dall'associazione Torino Wireless. Pasquale Marasco di Torino Wireless e Giampiero Lombardi di Agriselviter hanno spiegato: "La carta d'identità elettronica dei formaggi è una garanzia, contro i falsi, sia per i consumatori sia per i produttori".

Al momento i ricercatori hanno raccolto per un anno i dati di un'azienda agricola della Valle Pellice mappando l'alpeggio che è stato diviso in unità catastali con il tipo di vegetazione e il numero di animali al pascolo. Le notizie rilevate, alle quali sono state aggiunte numerose informazioni, sono state registrate in un codice a barre bidimensionale e riversate in un microchip. Entrambi sono leggibili attraverso la tecnologia Rfdi che può essere utilizzata sia da un pc sia da un telefono cellulare.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016