Excite

Animali a rischio estinzione, ci sono anche vermi e insetti

Sono numerose le specie animali minacciate dall'estinzione. Ma quante volte abbiamo sentito parlare di impegno per salvare, ad esempio, vermi e insetti? Non molte. Tuttavia anche questi animali, molto spesso poco amati, hanno bisogno di essere protetti. Così, nonostante in passato a loro siano stati preferiti specie animali più "carine", qualcosa adesso sta cambiando e stanno nascendo associazioni il cui obiettivo è salvaguardare tutti quegli animali che fino ad oggi sono stati tenuti in scarsa considerazione.

Guarda alcune immagini delle specie meno amato da salvare

Come si legge sul quotidiano La Repubblica, secondo gli esperti dell'US Fish and Wildlife Service ad oggi i fondi vengono distribuiti tenendo conto del maggior rischio di estinzione di alcune specie. Piccoli segnali di cambiamento, che però fanno ben sperare. Piero Genovesi, ricercatore dell'Istituto Superiore per la protezione e la Ricerca Ambientale, ha spiegato: "In Europa in generale si è pensato a orsi, stambecchi e falchi, ben poco agli invertebrati, che invece sono il 90 per cento delle specie a rischio".

Sebbene esistano politiche europee per cui i fondi dovrebbero servire a proteggere tutte le specie minacciate, spesso a prendere il sopravvento sono le scelte delle associazioni, le esigenze di immagine e le scelte locali. Ma Genovesi ha sottolineato che "a confermare la tendenza di un'attenzione maggiore verso specie meno conosciute e 'simpatiche' ci sono numerosi studi sui finanziamenti dei progetti di salvaguardia. Non si deve sottovalutare infatti che non sono soltanto gli animali brutti ad essere negletti, ma anche i Paesi o le regioni più povere, per cui se Australia, America del Nord ed Europa possono impegnarsi per salvare le loro specie, non succede altrettanto nei Paesi poveri. In ogni caso, a livello europeo negli ultimi anni le direttive sono state quanto mai chiare: bisogna lavorare di più sulle specie a maggiore rischio, non su quelle più belle".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016