Excite

Antitrust, multate note aziende di cosmetici. Facevano 'cartello'

Sono 16 le aziende di cosmetica che dovranno pagare la maxi multa di 81 milioni di euro emessa dall'Antitrust. Il motivo? Tali aziende, tra cui le note Unilever Italia, Colgate-Palmolive, Procter and Gamble e Johnson & Johnson, si sarebbero coordinate sugli aumenti dei prezzi di listino trasmessi alla grande distribuzione. Ad essere sanzionata è stata anche l'associazione Centromarca, che ha però annunciato ricorso al Tar. A far individuare il 'cartello', durato almeno dal 2000 al 2007, è stata l'autodenuncia della Henkel che, grazie alla sua collaborazione, ha così beneficiato dell'esenzione della sanzione.

La multa più salata invece è toccata alla L'Oreal Italia che dovrà pagare ben 26 milioni. Come spiegato da Antonio Catricalà, presidente dell'Antitrust, le aziende sanzionate sono colpevoli di aver messo in piedi un'intesa 'particolarmente grave' e che oltretutto, riguardando prodotti di larghissimo consumo, coinvolge tutti i consumatori italiani.

Secondo l'Antitrust, le 16 aziende di produzione di cosmetici hanno posto in essere un'intesa unica, complessa e continuata nel tempo, finalizzata al coordinamento degli aumenti dei prezzi di listino comunicati annualmente agli operatori della Grande Distribuzione Organizzata. Lo scambio di informazioni avrebbe interessato le principali variabili concorrenziali: dagli aumenti dei prezzi di listino dei prodotti per la cura personale alle condizioni di negoziazione con gli operatori della distribuzione. Ne è scaturito un allineamento generalizzato e costante degli aumenti dei prezzi di listino comunicati agli operatori della grande distribuzione, di norma superiore al tasso di inflazione annuale.

L'Antitrust ha inflitto la multa a Unilever Italia Holdings, Colgate-Palmolive, Procter&Gamble, Reckitt-Benckiser Holdings (Italia), Sara Lee Household & Body Care Italy, L'Oreal Italia, Società Italo Britannica L.Manetti-H.Roberts & Co, Beiersdorf, Johnson & Johnson, Mirato, Paglieri Profumi, Ludovico Martelli, Weruska&Joel, Glaxosmithkline Consumer Healthcare, Sunstar Suisse e all'Associazione Italiana dell'Industria di Marca - Centromarca. Per Colgate-Palmolive e Procter&Gamble la sanzione à stata ridotta, rispettivamente del 50 e del 40 per cento.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017