Excite

Antonio Manganelli, il capo della Polizia ricoverato d'urgenza a Roma

  • Getty Images

Il capo della Polizia, Antonio Manganelli, è stato trasportato d'urgenza oggi pomeriggio all'ospedale San Giovanni di Roma per un malore. A quanto si apprende dalle prime frammentarie notizie battute dalle agenzie di stampa, l'alto funzionario sarebbe rimasto vittima di un emorragia cerebrale e i medici del nosocomio lo avrebbero sottoposto a un intervento per rimuovere l'ematoma formatosi a seguito della rottura di un vaso intracranico.

Al momento non si sa molto, ma sembra che l'operazione, durata due ore e mezza, sia riuscita. Secondo quanto filtra dagli ambienti ospedalieri, Manganelli si troverebbe nel reparto di rianimazione in coma farmacologico, una procedura che è stata definita "normale protocollo" dai medici della struttura, che hanno spiegato che viene seguita in tutti i casi di interventi come quello cui è stato sottoposto il capo della Polizia.

Nato ad Avellino l'8 dicembre 1950, Manganelli ha scoperto qualche tempo fa di avere un tumore, che ha curato con successo negli Stati Uniti. Tuttavia, recentemente le sue condizioni di salute sono di nuovo peggiorate, fino al ricovero e all'intervento d'urgenza di oggi (anche se il fatto che l'emorragia cerebrale e la malattia siano collegate tra loro per ora è solo un'ipotesi). Resta comunque il fatto che il quadro clinico del prefetto è da diverso tempo motivo di preoccupazione e incertezza presso gli uffici della Pubblica Sicurezza e più di una volta, in occasione delle varie polemiche che hanno investito il Dipartimento, la questione della sostituzione di Manganelli è tornata in auge. Il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri, però, ha sempre confermato la sua fiducia all'alto funzionario e così il capo della Polizia ha mantenuto il suo posto, che ora sarà temporaneamente ricoperto dal vicario Alessandro Marangoni.

Direttore centrale della Polizia criminale e vicedirettore generale della Pubblica Sicurezza dal 2000 e facente funzioni vicarie del capo della Polizia Gianni De Gennaro dal 2001, Antonio Manganelli è stato chiamato alla guida del Dipartimento di Pubblica Sicurezza nel 2007, durante il governo Prodi. Una carica di vertice arrivata dopo una lunga militanza prima nel Nucleo anticrimine della Polizia di Stato, dove collabora anche con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, e poi nello SCO (Servizio centrale operativo), di cui diviene direttore nel 1991, e nel Servizio Centrale di Protezione dei collaboratori di giustizia. Nella seconda metà degli anni '90 Manganelli è stato anche questore a Palermo e a Napoli.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017