Excite

Arabia Saudita, due donne arrestate per aver sfidato il divieto di guida

Per aver sfidato il divieto di guida, due donne sono state deferite alla Corte criminale specializzata di Riyad, in Arabia Saudita, che si occupa di accuse per terrorismo. E sono ora in attesa di giudizio, a circa un mese dall'essere state arrestate per aver portato una macchina.

Omar Al Borkan Gala: le foto su Facebook

Il fermo vero e proprio delle due ragazze dovrebbe risalire all'1 dicembre. Loujain al-Hathloul, 25 anni, era stata fermata dalle guardie di frontiera il giorno prima, quando aveva provato ad attraversare il confine con una patente degli Emirati Arabi Uniti; la seconda invece, la 33enne Maysa al-Amoudi, che negli Emirati ci vive, era stata fermata mentre andava a consegnare cibo e una coperta al confine alla giovane fermata per prima. Il caso è montato, in maniera ancor più grave, quando le due accusate, che l'anno scorso erano già state aperte sostenitrici della campagna contro il divieto di guida per le donne saudite, si sono lasciate andare a giudizi contro quest'attività repressiva; motivo per il quale, ora sono in atteso di giudizio davanti a un tribunale istituito per casi di terrorismo, ma che persegue anche dissidenti pacifici e attivisti.

Pellegrinaggio islamico alla Mecca

Va ricordato, come scrive il sito di Repubblica, come in Arabia Saudita non ci sia alcuna legge che vieta espressamente alle donna di stare al volante, ma sono le autorità a non rilasciare loro la patente, soprattutto viste gli editti emessi dai religiosi ultraconservatori contro le donne che guidano.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017