Excite

Argentina, il Senato vota a favore dei matrimoni omosessuali

Questa mattina, in diretta televisiva, in Argentina è stato trasmesso quello che può essere definito un voto storico. Il Senato, infatti, ha approvato la legge che autorizza le unioni tra persone dello stesso sesso. A sostenere il disegno di legge il governo di centro-sinistra della presidente Cristina Fernandez de Kirchner. Dopo oltre 15 ore di dibattito, sono stati 33 i voti a favore e 27 i voti contrari. Così l'Argentina è diventata il primo Paese dell'America latina ad autorizzare i matrimoni omosessuali, il decimo al mondo dopo Olanda, Belgio, Spagna, Canada, Africa del sud, Norvegia, Svezia, Portogallo e Islanda.

In Argentina è elevata la percentuale di cattolici tra la popolazione e prima del voto sono stati registrati momenti di tensione. Davanti al Parlamento si sono radunate oltre 60mila persone, convocate da organizzazioni cattoliche, per manifestare la propria contrarietà e si è verificato qualche incidente. Scontri sono stati registrati anche davanti alla sede del Congresso. In alcune situazioni è stato necessario l'intervento della polizia.

Il capogruppo del partito al potere, Miguel Pichetto, ha parlato di un giorno storico. Pichetto ha affermato: 'E' la prima volta che si vota per una legge a favore delle minoranze'.

Con l'introduzione di questo provvedimento va a modificarsi anche il codice civile. Al posto della la formula 'marito e moglie' verrà, infatti, introdotto il termine 'i contraenti'. Ora le coppie gay regolarmente sposate potranno adottare bambini ed avere accesso a sicurezza sociale e congedo familiare.

Foto: tg24.sky.it

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017