Excite

Arrabbiarsi sul lavoro fa bene?

Lo studio dell'Harvard Medical School di Boston potrebbe dar vita a piccole rivoluzioni sul posto di lavoro. Secondo un'indagine condotta su 824 persone e durata ben 44 anni, chi reprime le frustrazioni è più incline ad ammettere di aver deluso le proprie aspettative. Senza mai esagerare e perdere le staffe, quindi, dire le proprie ragioni è utile sia per la salute che per la carriera.

Lo studioso George Vaillant, a capo della ricerca, ha spiegato: "La gente pensa alla rabbia come a un'emozione terribilmente pericolosa ed è incoraggiata a praticare il 'pensiero positivo'. Ma questo approccio può essere frustrante, e alla fine tradursi in una dannosa negazione di una realtà che fa paura. Le emozioni negative, come paura e ira, sono innate e cruciali per la sopravvivenza. Esperimenti attenti, come il nostro, hanno documentato che le emozioni negative ci permettono di focalizzare l'attenzione: possiamo concentrarci sugli alberi anziché sull'intera foresta".

La cosa importante è non esagerare rischiando di avere un comportamente autodistruttivo. "La furia incontrollata - ha sottolineato Vaillant - è distruttiva. Tutti proviamo rabbia, ma le persone che imparano a esprimerla senza esplodere, ed evitando le conseguenze autodistruttive di una furia incontrollata, ottengono un potere incredibile in termini di crescita emozionale e di salute mentale".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016