Excite

Ascoli Piceno incidente in volo: due jet militari si scontrano, quattro dispersi

  • web

di Laura Abbate

Update 9:30 Sono proseguite per tutta la notte le ricerche dei quattro dispersi. Per ora sono ancora senza esito. A bordo dei due jet che si sono scontrati ieri c'erano: il capitano pilota Alessandro Dotto (31 anni di Ivrea) e il capitano navigatore Giuseppe Palminteri (36 anni di Palermo) a bordo del primo; sul secondo invece volavano il capitano pilota Mariangela Valentini (32 anni di Borgomanero) e il capitano navigatore Paolo Piero Franzese (35 anni di Benevento). Nessuna traccia è stata ancora ritrovata. Le forze di polizia e gli elicottri dell'Aeronautica Militare hanno girato in lungo e in largo, soprattutto nella zona di Casamurana dove poco dopo l'incidente è stato trovato un paracadute e il tesserino plastificato con la foto del navigatore Palminteri.

Il colonnello e portavoce Urbano Floreani ha fatto sapere che le ricerche continuano senza sosta: "Noi non molliamo un minuto, dobbiamo trovarli. Quando succedono queste cose così il primo pensiero è alle famiglie a casa. Sono preoccupato come se quei ragazzi fossero miei familiari. Seguiamo un segnale, quello che fa scattare il seggiolino al momento dell'eiezione. I nostri elicotteri lo hanno rilevato".

Scontro nei cieli di Ascoli Piceno: le foto

I due tornando appartenenvano al Sesto Stormo ed erano partiti dalla base militare di Ghedi. Non è ancora chiaro che coa sia realmente successo nei cieli di Ascoli Piceno ieri pomeriggio e quali siano le cause dell'incidente.

Due Tornado si scontrano nei cieli su Ascoli Piceno. Durante un addestramento i due jet si sono avvicinati e schiantati al suolo nel giro di pochi secondi. E' successo intorno alle 19, diversi focolai sono stati individuati tra Olibia e Venarotta. I testimoni raccontano di un boato e poi un incendio che è divampato in cielo e poi si è spostato sulle colline.

Quattro al momento le persone disperse, si sarebbero lanciate poco prima dello scontro con i seggiolini. Il colonello Urbano Floreani ai microfoni del Tg1 ha confermato che un paracadute è stato localizzato poco dopo lo scontro, si attendono nuovi aggiornamenti. I dispersi sono quattro (due piloti e due navigatori) e di loro non c'è traccia.

I vigili del fuoco di Ascoli, intervenuti per primi sul posto in cui i due velivoli hanno toccato terra dopo lo scontro, raccontano: "Abbiamo ricevuto milioni di chiamate". Proseguono: "Poteva essere un'apocalisse, una questione di secondi e tutti avremmo rischiato il peggio" spiega il sindaco Guido Castelli. L'Aeronautica ha inoltre annunciato di aver aperto un'indagine sull'accaduto, ha fatto comunque sapere che "i nostri obiettivi primari sono fare chiarezza sull'incidente e ritrovare i quattro aviatori dispersi".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017