Excite

Attentato a Reggio Calabria, si esamina il video

Domenica, alle 4,49 di mattina, un ordigno è stato fatto esplodere davanti all'ingresso dell'ufficio del Giudice di pace di Reggio Calabria, che si trova accanto al portone della Procura generale, in piazza Castello. Immediatamente i Carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria hanno avviato le indagini. Della vicenda se ne sono subito occupati il ministro dell'Interno Roberto Maroni, il ministro della Giustizia Angelino Alfano, i capi e i comandanti di polizia, i carabinieri, la guardia di finanza e i vertici degli uffici investigativi.

Guarda il video degli attentatori

Subito dopo l'attentato il procuratore generale, Salvatore Di Landro, ha riferito: "Dalla telecamera di servizio è stato possibile notare che due individui, che indossavano i caschi e che sono giunti a bordo di un motorino, hanno depositato l'ordigno composto da una bombola di gas e da materiale esplodente. Siamo certi che si tratti di un grave attentato perpetrato dalla criminalità organizzata".

Gli specialisti del Ris e del Racis stanno esaminando il filmato che ha ripreso i due attentatori. Sebbene i volti siano coperti dai caschi, pare che alla guida dello scooter ci fosse una donna. Ad alimentare tale ipotesi il dettaglio di una scarpa che sembra di tipo femminile.

Su Il Corriere della Sera si legge che dopo la riunione del comitato nazionale per la sicurezza Maroni e Alfano hanno già annunciato rinforzi e programmi per sostenere l'azione contro la 'ndrangheta. Saranno 121 le unità investigative in più, sei i nuovi magistrati per dar man forte agli uffici giudiziari e verrà dato il via a una strategia di contrasto alle attività economiche del crimine organizzato che parta dalla Calabria ma si estenda altrove. Il ministro Maroni ha, inoltre, confermato l'idea di insediare a Reggio l'Agenzia nazionale per i beni confiscati e sta pianificando nuove iniziative per impedire le infiltrazioni mafiose sugli appalti; a giorni, poi, riunirà a Milano la commissione per sorvegliare sui lavori dell'Expo 2015.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017