Excite

Attentato in Afghanistan, muore Manuele Braj. Feriti altri due carabinieri

  • Infophoto

E’ successo questa mattina in Afghanistan, alle 08.50 (ora locale, che corrisponde alle 6.20 italiane): un carabiniere è morto e altri due sono rimasti feriti in seguito a un’esplosione avvenuta nel campo addestrativo della polizia locale, ad Adraskan, e molto probabilmente causata da un razzo lanciato dall'esterno. Il Carabiniere Scelto Manuele Braj, trentenne di Galatina, effettivo al 13° Reggimento “Friuli-Venezia Giulia” e appartenente al Police Speciality Training Team (PSTT), è deceduto sul colpo. Lascia la moglie di ventotto anni e un figlio di appena otto mesi. Gli altri due militari, anche loro del PSTT, sono il maresciallo capo Dario Cristinelli, 37enne di Lovere in provincia di Bergamo, e il Carabiniere Scelto Emiliano Asta, 29enne di Alcamo in provincia di Trapani; hanno riportato ferite alle gambe e sono stati trasportati in elicottero presso l’ospedale militare statunitense di Shindand. Per fortuna non risultano in pericolo di vita.

La zona in cui è avvenuta l’esplosione è stata isolata per effettuare i rilievi di rito e dunque ricostruire la dinamica. Il ministro degli Esteri Giulio Terzi, a Lussemburgo per il Consiglio Ue, ha commentato la “notizia tristissima” definendola un “vile attentato”. Ai familiari della vittima e ai due ragazzi feriti va tutta la sua vicinanza: “Abbiamo perso un giovane e valoroso italiano impegnato a costruire un futuro piùsicuro per i nostri figli e un Afghanistan in cui gli afghani possano decidere del loro futuro”.

Anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano si è pronunciato sulla vicenda tramite il suo portavoce: “appresa con profonda commozione la notizia del tragico attentato in cui ha oggi perso la vita un carabiniere e altri due sono rimasti gravemente feriti, mentre svolgevano i propri compiti operativi nella missione internazionale Isaf in Afghanistan, esprime i suoi sentimenti di solidale partecipazione al dolore dei famigliari del caduto, rendendosi interprete del profondo cordoglio del Paese”.

Napolitano, inoltre, “formula l'accorato auspicio che i militari feriti nell'attacco possano superare questo critico momento”. Attualmente, in Afghanistan, ci sono quattromila militari italiani più un ristretto nucleo che si occupa dell’addestramento della polizia di frontiera.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017