Excite

Attentato Tunisi al museo del Bardo, quattro le vittime italiane: morte Antonella Sesino e Giuseppina Biella

  • Ansa

Sono ufficialmente quattro gli italiani morti nell’attentato al Museo del Bardo a Tunisi. La notizia viene confermata dalla Farnesina che certifica quindi la presenza dei due dispersi italiani tra le persone uccise. Si tratta di Antonella Sesino, dipendente comunale a Torino, e di Giuseppina Biella, settantenne di Meda nelle vicinanze di Monza. Le due donne vanno ad aggiungersi quindi ai già identificati Francesco Caldara e Orazio Conte. A Tunisi arrivano però i primi arresti.

(Il presidente Mattarella parla alla Cnn)

Le forze di sicurezza del posto hanno fermato quattro persone ritenute coinvolte nell’attentato, la strage è stata inoltre rivendicata, attraverso un audio diffuso in rete, da un gruppo di militanti islamici: "Quello a cui avete assistito è solo la prima goccia di pioggia". La notizia è stata riferita dalla fondatrice del sito di intelligence Site, Rita Kitz, che su Twitter parla di un messaggio nel quale i due terroristi vengono citati con nomi di battaglia ovvero Abu Zakarya al-Tunisi e Abu Anas al-Tunisi. Non è però al momento certo che la rivendicazione sia autentica.

Attentato Tunisi, Francesco Caldara e Orazio Conte le altre due vittime italiane

Intanto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella parla alla Cnn, sopra il video dell’intervista, sottolineando che il tempo a disposizione per contrastare la minaccia del terrore non è molto parlando inoltre di “un attacco alla democrazia e alla cultura che è doloroso e allarmante". Il bilancio si fa davvero pesante e conta, secondo il ministro della Salute tunisino, 20 turisti e 3 tunisini morti ai quali si aggiungono i due attentatori. Delle tredici persone che non sono ripartite con la Costa Fascinosa l’azienda fa sapere che tre passeggeri figurano tra i morti, sono otto le persone ferite mentre due i dispersi. Stando alle dichiarazioni del ministro Gentiloni i nostri connazionali feriti sarebbero tredici su un totale di 44 persone.

Attentato Tunisi, le foto delle vittime al Museo del Bardo

Nelle scorse ore un account Twitter vicino allo Stato islamico ha pubblicato la foto di una delle vittime italiani con il seguente messaggio: "Questo crociato è stato schiacciato dai leoni del monoteismo”. I due terroristi identificati come Yassine Laâbidi e Hatem Khachnaoui sono stati uccisi, nel corso dell’attentato al Barco avevano cinture esplosive e armi molto avanzate e proprio il ministro degli Interni tunisino Najem Gharsalli ha sottolineato che “il numero delle vittime sarebbe potuto essere più alto". Il ministro della Difesa Roberta Pinotti ha chiesto maggiore presenza di navi e aerei nel Mediterraneo dopo l’aggravarsi della minaccia terroristica.

Il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz non ha nascosto la sua preoccupazione: "Questo è un attacco contro la democrazia, ho davvero paura. Non dobbiamo dimenticare che la Tunisia è un paese musulmano e questo attacco colpisce soprattutto il nuovo governo democratico”. Non è mancato, in conclusione, il cordoglio di Papa Francesco che ha inviato un telegramma all’arcivescono di Tunisi monsignor Ilario Antoniazzi.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017