Excite

Aumentano i vegetariani e in Italia arriva il "Veggie Pride"

Si allarga la schiera dei vegetariani, di chi a carne e pesce predilige frutta e verdura. Le ragioni le più varie. Rispetto per gli animali e per l'ambiente, oltre che attenzione per la salute. Fatto sta che nel mondo il numero dei vegetariani è aumentato e non di poco.

Come riportato dal quotidiano il Corriere della Sera, l'Istituto di Studi Politici Economici e Sociali, Eurispes, ha stimato che in Italia il popolo dei vegetariani supera i sei milioni e che nel 2050 potrebbe arrivare a 30 milioni. Il "vegetariano tipo" è donna, con un livello di istruzione medio-alto e vive per lo più al Nord o al Centro. Quest'anno, inoltre, in Italia si celebra la seconda edizione del "Veggie Pride", ossia il giorno dell'orgoglio vegetariano. La manifestazione si svolgerà il 16 maggio a Milano, in contemporanea con Lione dove è arrivata alla sua nona edizione.

Luciana Baroni, medico dell'ospedale Villa Salus di Mestre-Venezia e presidente della Società scientifica di nutrizione vegetariana, ha spiegato: "La sensazione è che, proprio perché fanno una scelta ideologica, i più giovani sono più spesso vegani, escludono cioè dalla loro dieta anche uova e latte. Pensano al benessere globale degli animali e ritengono che il solo non mangiar carne non elimini completamente le loro sofferenze. Il crescente interesse per il vegetarianesimo è favorito anche dal fatto che quell'aura di paura nei confronti di queste abitudini alimentari si è piano piano dissolta alla luce delle evidenze scientifiche e in realtà non esiste nessun pericolo concreto nell'abbracciare questo tipo di alimentazione".

Chi, invece, sottolinea la necessità di un po' attenzione nei confronti del dilagare di questa abitudine alimentare, soprattutto tra i più giovani, è Andrea Ghiselli, ricercatore all'Istituto italiano per la ricerca e la nutrizione (Inran) ed esperto di un forum sulla nutrizione del Corriere Online. "I giovani vegetariani sono in aumento - ha detto Ghiselli - e sono soprattutto ragazze che spesso lo fanno per moda. Ma devono fare attenzione: i maschi in particolare rischiano carenze soprattutto di calcio, le femmine di ferro. Se la dieta è vegetariana ma include prodotti animali ed è variata non ci sono particolari pericoli. Ma un vegano non può fare di testa sua: se decide di esserlo è bene che pianifichi la sua dieta con un nutrizionista". Secondo, infine, Michele Carruba, direttore del Centro studi e ricerche sull'obesità all'Università di Milano, in una ferrea dieta vegetariana è importante mescolare e combinare i cibi quanto più si può.

Seppur la dieta vegetariana diventi sempre più diffusa, nei suoi confronti regna ancora una certa diffidenza. Come sottolineato dalla dottoressa Baroni ogniqualvolta un esperto di alimentazione vegetariana è invitato a un talk show accanto a lui deve sedere anche chi invece è a favore della carne.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016