Excite

"Baby Down", la bambola con sindrome di Down

Sta per arrivare sul mercato italiano "Baby Down", la bambola con i tratti somatici di un bebè con sindrome di Down. Obiettivo della bambola è quello di abbattare i pregiudizi. "Baby Down" è stata ideata in Spagna due anni fa dalla casa produttrice di giocattoli Super Juguete e dalla Fundacion Down Espana.

Adesso la bambola sta per essere messa in vendita anche in Italia grazie alla collaborazione tra un'impresa commerciale e tre associazioni no profit di Bologna: la cooperativa "Il Martin Pescatore", l'Associazione retinite pigmentosa Emilia-Romagna e il Ceps (Centro emiliano problemi sociali per la Trisomia 21). Rinunciando alle normali spettanze la società Cangillo Interni Limited Edition importerà "Baby Down" nel nostro Paese.

La bambola è nata con l'idea di diffondere la cultura del rispetto della diversità. Un opuscolo inserito nella confezione della bambola contiene alcune semplici indicazioni sulle attività più indicate per stimolare le capacità sensoriali e intellettive dei bambini con sindrome di Down. Il ricavato delle vendite di "Baby Down" andrà a sostenere le attività delle tre associazioni no profit bolognesi. Con gli incassi, inoltre, verrà attivato un laboratorio di sartoria per realizzare i vestitini per le bambole grazie al quale le persone in situazioni di disagio potranno trovare un impiego.

Come sottolineato da Il Corriere della Sera, Francesca Bernaroli, presidente della cooperativa "Il Martin Pescatore", ha detto: "Proporre una bambola con sindrome di Down, con i suoi caratteristici occhi a mandorla, è una novità per l'Italia. Ci piace l'idea di offrire l'opportunità di abbattere, attraverso il gioco, i pregiudizi legati a questa condizione genetica e, più in generale, alla diversità". Antonella Gambini, dell'associazione Retinite Pigmentosa Emilia-Romagna, ha poi affermato: "Con 'Baby Down' non vogliamo assolutamente suscitare polemiche, né banalizzare la disabilità, riducendola ad un semplice giocattolo. Crediamo piuttosto che attraverso il gioco si possa diffondere, già tra i più piccoli, la cultura del rispetto, e offrire l'occasione per un percorso di crescita verso il riconoscimento di ogni individualità".

Foto: ilmartinpescatore.org

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017