Excite

Bambino sbranato allo zoo: era entrato nella gabbia dei licaoni

La tragedia è avvenuta alle 12 di domenica, in una giornata come le altre allo zoo di Pitsburgh (Washington): un bambino di soli tre anni è caduto nella gabbia dei licaoni ed è stato sbranato dal branco.

Tragedia allo zoo di Pitsburgh: guarda il video

Gli undici canidi africani hanno ucciso a morsi la piccola vittima: non è ancora chiaro come il bambino sia riuscito ad eludere tutti i controlli e ad introdursi, senza essere visto, nella gabbia dei cani selvatici.

Non appena il piccolo ha superato le recinsioni di protezione è stato assalito dagli animali selvatici. Le autorità locali hanno spiegato che uno dei guardiani dello zoo è intervenuto insieme ad alcuni veterinari sparando ad uno degli animali selvatici, che è stato ucciso. Il gesto non è servito però a salvare il piccolo: quando il branco è stato allontanato, il bambino era già stato ferito in modo irrimediabile.

La Presidente dello zoo Barbara Baker ha commentato così la tragedia: "I guardiani hanno tentato tutto il possibile, sono intervenuti immediatamente e sono riusciti ad rinchiudere gli animali nel retro delle gabbie". Purtroppo, però, per la vittima non c'è stato nulla da fare.

Il bambino era allo zoo insieme alla madre, quando improvvisamente si è avvicinato al recinto e l'ha superato, ritrovandosi tra questi animali dalla corporatura simile a quella di una iena. Si tratta di specie molto diffuse nel continente africano, i cui esemplari sono anche noti come "cane cacciatore del Capo". Nessuno scampo per il piccolo, che non è riuscito a sopravvivere al loro attacco.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017