Excite

Banlieues esplosive, arriva il pugno di ferro di Sarkozy

Contro i rivoltosi delle periferie francesi arriva il pugno duro di Nicolas Sarkozy. Il presidente della repubblica francese si è recato nelle prime ore della mattinata, al ritorno dalla visita in Cina, a far visita ai poliziotti feriti durante gli scontri dei giorni scorsi nelle banlieues di Parigi (guarda le foto).

“Quel che è accaduto è inaccettabile- ha dichiarato Sarko - troveremo chi ha avuto l’idea di aprire il fuoco contro i poliziotti, finiranno davanti ad un tribunale. Un comportamento del genere ha un nome ben preciso, si tratta di tentato omicidio, non importa quanto drammatiche possano essere le morti di questi due ragazzi”.

Nella notte tra lunedì e martedì, secondo una fonte della polizia, 82 agenti sono rimasti feriti, quattro dei quali gravemente. Nei disordini, innescati dalla morte di due giovani motociclisti dopo uno scontro frontale con un'auto della polizia, 63 automobili e cinque edifici sono stati incendiati a Villiers-le-Bel e in diversi comuni della zona, abitati sopratutto da immigrati dal Maghreb e dall'Africa nera. Non va meglio a Tolosa dove nella notte diverse auto sono state date alle fiamme.

“Volevano farci quanto più male possibile. Speravano di ucciderci” ha dichiarato uno dei poliziotti. Sarkozy ha convocato per oggi una riunione dell'Unità di crisi sulla sicurezza, con la partecipazione di Fancois Fillon e di diversi ministri.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016