Excite

Barletta: maestra d'asilo picchia i bambini, incastrata da video shock

  • YouTube

Non sono passate neppure due settimane dall'arresto della maestra e della coordinatrice dell'asilo San Romano, nella Capitale, per i maltrattamenti e le vessazioni inflitte ai piccoli alunni della struttura, che una nuova storia di violenze fisiche e psicologiche perpetrate da un'educatrice ai danni dei bambini a lei affidati torna a inquietare l'opinione pubblica.

Asilo San Romano, maltrattamenti ai bambini: costretti a pulire la pipì. Arrestate maestra e direttrice

Teatro degli abusi questa volta è una scuola dell'infanzia di Barletta, dove una maestra quarantatreenne non lesinava tirate d'orecchie e di capelli, strattoni, quaderni arrotolati e sedie levate da sotto per punire i bambini e riportarli all'ordine. Una serie di vessazioni documentate dal Comando Provinciale dei carabinieri di Bari con delle telecamere nascoste, dopo le numerose denunce arrivate dai genitori degli alunni della scuola, sempre più spaventati all'idea di tornare in classe.

L'indagine è stata condotta con grande cautela, in collaborazione con una psicoterapeuta che, a seguito di diversi colloqui con i bimbi di 3 e 4 anni di età, ha riscontrato nei piccoli pazienti "disturbi socio-affettivi", motivando così la decisione di procedere all'installazione di un sistema a circuito chiuso per verificare il comportamento della maestra. E il video diffuso in queste ore online mostra una serie di soprusi che ha spinto il procuratore della Repubblica di Trani, Carlo Maria Capristo, a definirli "di una gravità inaudita".

Per la maestra sono così scattati gli arresti domiciliari, con il gip del tribunale di Trani, Rossella Volpe, che nell'ordinanza ha scritto che la donna "abusando di autorità, poteri e prerogative propri delle sue funzioni educativo-formative, violando i doveri di equilibrio e correttezza inerenti le attività di cura, vigilanza e custodia esercitate nei confronti di bambini (di anni 3) a lei affidati, approfittando della loro condizione di particolare vulnerabilità, li ha ripetutamente maltrattati".

Una brutta storia, che inevitabilmente lascerà un segno nelle piccole vittime e che per tale ragione ha fatto dire a Capristo: "L'appello è, ancora una volta, a genitori ed educatori: denunciate", perché proprio la decisione delle famiglie dell'asilo di Barletta di segnalare ai carabinieri il disagio dei loro figli ha permesso di fermare l'educatrice che "trattava i bambini come sacchi di patate" e che spingeva i piccoli, "quando parlavano delle maestre", a distinguere "quella buona da quella cattiva".


Il video shock dei maltrattamenti ai bambini dell'asilo di Barletta

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017