Excite

Bimbi autistici picchiati a "Casa di Alice" (Grottammare): nudi in isolamento, VIDEO

  • Youtube

di Simone Rausi

Venivano tenuti in isolamento come i peggiori criminali, una tortura psicologica a cui si associavano, spesso e volentieri, anche dei maltrattamenti fisici: spintoni, sberle, schiaffi. Succede a “Casa di Alice”, una struttura socio educativa e riabilitativa di Grottammare in provincia di Ascoli Piceno. La struttura, recentemente rimodernata e appellata dalle istituzioni locali come "un centro d’eccellenza per l’autismo", si è rivelata un vero e proprio inferno per alcuni bambini e ragazzi autistici (tutti dagli 8 ai 20 anni). Un video dei carabinieri di San Benedetto del Tronto, infatti, documenta un atteggiamento criminale da parte degli operatori del centro e una serie di episodi raccapriccianti subiti dai disabili in cura.

Asilo di Pistoia: le immagini shock dei maltrattamenti

Le indagini a “Casa di Alice” sono partite diversi mesi fa quando la Procura di Fermo ha ordinato la collocazione di telecamere nascoste all’interno dei locali della struttura. Quello che ne è emerso è un videoracconto di soprusi e maltrattamenti. I giovani disabili venivano aggrediti psicologicamente e fisicamente, quando non erano picchiati venivano rinchiusi in una “stanza di contenimento”, un minuscolo locale di pochi metri quadri completamente spoglio in cui restavano soli e impauriti per diverso tempo. A “Casa di Alice”, a quanto pare, era presente un altro locale utilizzato per la repressione dei ragazzi, “la stanza azzurra” (la si vede nel video). I giovani rinchiusi provavano inizialmente ad uscire poi si abbandonavano a un disperato stato di rassegnazione.

L’inchiesta, coordinata dal pm Seccia, ha fatto emergere altri agghiaccianti particolari come l’obbligo imposto ai ragazzi di urinarsi addosso o l’isolamento senza vestiti. Il video è stato rilasciato questa mattina dai Carabinieri che hanno spiegato come nei disabili non ci fosse alcun comportamento violento o azione che “giustificasse il loro contenimento” (procedura, quella del contenimento, abolita con la riforma psichiatrica del 1979). I cinque operatori della struttura responsabili di violenze (tutti di età compresa tra i 43 e i 53 anni) sono stati arrestati dai Carabinieri con l’accusa di maltrattamenti e sequestro di persona.

Meno di un mese fa è stata inaugurata la nuova sede di “Casa di Alice”: una struttura più grande, “moderna e funzionale”. Al taglio del nastro erano presenti i genitori dei pazienti e le autorità civili e religiose del Comune. Il sindaco Merli aveva definito la struttura come “Un centro di eccellenza sotto l’aspetto sociale e sanitario” e l’aveva dipinto come il fiore all’occhiello di un territorio orgoglioso. Il progetto autismo è infatti portato avanti da oltre 10 anni. Oggi però si indaga e si prova a ricostruire questi e altri episodi di violenza che, a quanto pare, non sarebbero rimasti isolati.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017