Excite

Bimbo di 8 mesi rapito da rom a Tor Tre Teste, arrestati dalla polizia mentre fuggivano

  • Twitter @GazzettadAsti

Non contribuirà certamente a stemperare la tensione strisciante nelle periferie di Roma, l’episodio raccontato da una giovane madre nel quartiere di Tor Tre Teste, con protagonista una coppia di rom del campo di Salone.

Roma, assalto al centro rifugiati: scontri tra cittadini e polizia, convivenza a rischio

Il tentato rapimento di un bambino piccolo ad opera dei due nomadi, fuggiti a bordo di un furgone dopo l’azione criminale e successivamente arrestati dalla polizia su segnalazione della donna rischia di alimentare, in un periodo già non facile per l’ordine pubblico e la convivenza civile nella Capitale, una nuova spirale di odio e intolleranza.

L’episodio è stato riferito ai giornali in mattinata e da allora in rete, sui social network oltre che ovviamente tra i residenti di Tor Tre Teste, luogo dove si sono verificati i fatti, si è tornato a discutere di emergenza criminalità con particolare riguardo agli insediamenti di “zingari” in varie zone della città.

(Residenti contro stranieri, tensione nelle periferie romane: rivolta a Tor Sapienza)

Secondo quanto emerge dai racconti filtrati in queste ore, il bimbo di 8 mesi sarebbe stato prelevato a forza dai rapitori mentre giocava sul seggiolone in cortile verso le quattro del pomeriggio di sabato scorso: il fratellino più grande di sette anni avrebbe attirato l’attenzione della mamma a causa delle urla sentite a distanza, mentre i malviventi stavano caricando sul camioncino la loro “preda”.

Inutile il tentativo di intervento della donna, di origini straniere e sposata con un operaio di Roma, minacciata di morte da uno dei sequestratori nell’atto di riprendersi il figlio in preda alla disperazione.

Grazie alla precisa ricostruzione (sia dell’identikit dei rom che del furgone usato per il sequestro) fornita dalla signora nell’immediato, le forze dell’ordine sono riuscite nel giro di pochi minuti dalla chiamata a muoversi sulle tracce dei rapitori.

Individuando al Casilino le persone descritte dalla madre del bambino di Tor Tre Teste, gli agenti hanno potuto procedere immediatamente al fermo degli stessi in flagranza di reato, in seguito convalidato dal pubblico ministero di turno.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017