Excite

Bimbo morto nella metro, la mamma "E' stato un attimo": indagato tecnico Atac per omicidio colposo

  • Twitter @RomafaSchifo
Il giorno dopo l'incidente alla fermata metro Furio Camillo, a Roma, c'è tanto dolore. Ma anche la rabbia per capire come sia potuta accadere questa tragedia: il sindaco Ignazio Marino è stato contestato all'arrivo sul luogo dell'incidente, mentre è partita la strumentalizzazione. Il quotidiano 'Libero' ha parlato di morte nella metro di Marino. Ma già a caldo la deputata Roberta Lombardi ha scritto su Facebook: "La Roma di Marino, reduce da quella di Alemanno, è degna del terzo mondo".

Un bimbo muore precipitando nella tromba dell'ascensore della metro a Roma. E' un evento che non può accadere. Chi...

Posted by Roberta Lombardi on Giovedì 9 luglio 2015

Marco è morto mentre cercava di uscire dall'ascensore bloccato. Le ultime notizie raccontano di un bimbo di 5 anni "sparito nel nulla", come ha detto disperata la madre, Francesca Giudice, ancora sotto shock per quanto accaduto sotto i suoi occhi. Il tecnico dell'Atac, intervenuto sul posto per sbloccare l'ascensore, è stato iscritto nel registro degli indagati per l'ipotesi di reato di omicidio colposo. Ma non è stato interrogato perché ha avvertito un malore al momento della tragedia.

La notizia dell'incidente che ha scosso la città di Roma

I carabinieri hanno interrogato la donna per cercare di ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente. Francesca Giudice ha spiegato che erano solo loro due nell'ascensore, quando si era fermato. All'interno faceva molto caldo: lei so è spaventata e voleva portare il prima possibile suo figlio all'aria aperta. "Un attimo dopo, era scomparso nel nulla, nel buio, non so dove", ha spiegato la donna. Il dipendente dell'Atac è perciò intervenuto per rispondere alle grida di aiuto della donna e del piccolo Marco che piangeva. A quel punto è salito su un montacarichi parallelo all'ascensore per aiutare le due persone intrappolate: appena ha aperto una porticina, il bambino è scivolato dal passeggino precipitando nella tromba dell'ascensore.

Le foto dell'incidente a Furio Camillo in cui è morto Marco

L'assessore dimissionario ai Trasporti, Guido Improta, ha parlato di "una manovra che non è prevista dai protocolli" e di "un eccesso di generosità che ha provocato una tragedia". Il tecnico dell'Atac, infatti, avrebbe dovuto attendere un operaio specializzato in manovre di emergenza, quindi a conoscenza delle procedure previste dalla legge. Ma purtroppo è andata diversamente.

Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha dichiarato: "Siamo davanti a una tragedia che riguarda tutta Roma. Ho deciso di proclamare il lutto cittadino per il giorno dei funerali". Ma appena giunto alla fermata della metro Furio Camillo è stato apostrofato "Buffone" dalla folla. Quella stazione, come testimoniano le fotografie, versa nel degrado come tante altre. E come gran parte della città.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017