Excite

Bolle e la gaffe sui senzatetto, le scuse e sparisce il tweet

  • Repubblica.it

Arrivano le scuse dell'etoile Roberto Bolle all'indomani della frase indelicata postata su Twitter accompagnata da foto dimostrativa. Il ballerino aveva scritto: "I senzatetto che s'accampano e dormono sotto i portici del Teatro San Carlo, gioiello di Napoli, sono un emblema del degrado di questa città".

Un tweet, quello di Bolle, che ha scatenato l'ira di molti e che è sembrato fuori luogo soprattutto in questi giorni in cui i barboni muoiono per il grande freddo ed i portici del Teatro possono sembrare una dimora per ripararsi. Alcuni napoletani hanno accusato Bolle di essere un leghista e chiedono le scuse ufficiali. "Napoli non può essere offesa da chi non è napoletano", posta Matteo, con Linda che fa notare come "questo degrado si trovi ovunque, pure a Milano".

Le reazioni infuriate dei suoi oltre 49mila follower venute già a valanga hanno portato Bolle a cancellare quella frase dal suo profilo Twitter e a fare un passo indietro. "Mi spiace leggere che le mie parole siano state fraintese", precisa il ballerino sempre sul social network. E interviene sulla questione anche l'ufficio stampa di Bolle: "Roberto è anche ambasciatore di buona volontà dell'Unicef e si è sempre impegnato per i più bisognosi, partecipando a numerose iniziative di solidarietà e beneficenza. Il messaggio è stato male interpretato. Era rimasto colpito proprio dalle condizioni di disagio di queste persone meno fortunate, che stanno patendo in questi giorni più di qualsiasi altro la neve e il gelo. L'intenzione era semplicemente quella di richiamare l'attenzione su di loro".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017