Excite

Bossi: l'unica via alla libertà del Nord è una guerra di liberazione

Per la sua ultima apparizione al Parlamento del Nord a Vicenza Umberto Bossi sceglie di indossare le vesti di eroe risorgimentale, novello Garibaldi pronto a condurre le camicie verdi padane e venete in una anacronistica lotta di liberazione contro il "moloch" oppressore e antilibertario, lo Stato Italiano."La libertà non si può più conquistare in Parlamento ma attraverso la lotta di milioni di uomini disposti al sacrificio in una guerra di liberazione" dichiara, e si dice sicuro di poter portare sulle barricate 10 milioni di padani e di veneti, pronti a tutto pur di conquistare l'agognata libertà. Non c'è speranza - rincara il "senatur" - di trovare la libertà per via legale e costituzionale, in un paese come questo "con una sinistra che ha un odio ideologico nei confronti degli uomini del nord".

Ormai è tradizione trattare le parole di Bossi come l'espressione un po' colorita e folcloristica di un personaggio fondamentalmente innocuo ma questa volta, forse complice il clima politico non proprio rilassato, le reazioni sono state più dure del solito. Il presidente della Camera, Fausto Bertinotti, dopo aver rimarcato che "la guerra di liberazione è solo una, quella che ha cacciato i fascisti", ha sottolineato come le parole di Bossi lungi dall'essere "divertenti" siano in realtà pericolose, in quanto "certe affermazioni possono contribuire in modo drammatico a generare odi" in una società già di per sè fortemente divisa e polarizzata. Sulla stessa linea Walter Veltroni, il candidato leader della sinistra: "Bossi dice che se vinceranno cambieranno la Costituzione, è necessario che in Parlamento si voti un documento che, a stragrande maggioranza, si proclami contro certi apprezzamenti lesivi della Costituzione e delle istituzioni repubblicane" ha dichiarato. Silvio Berlusconi invece difende lo storico alleato sostenendo che "Bossi usa un linguaggio colorito, ma nella pratica ha sempre dimostrato un grande senso di responsabilità"

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016