Excite

Bram Stoker: il doodle di Google celebra l'autore di Dracula

  • Google.it

Chiunque abbia aperto la home page di Google oggi ha potuto osservare l'omaggio del motore di ricerca più usato al mondo dedicato allo scrittore Bram Stoker: l'autore di Dracula nasceva centosessantacinque anni fa, in Irlanda. Oggi il Doodle di Google celebra questo illustre anniversario ricordando proprio il romanzo più famoso di Stoker, con l'illusrazione dei personaggi principali di Dracula e del celebre castello. Ma chi era Bram Stoker?

Dracula di Bram Stoker: il video

Se di Dracula si sa un po' tutto, grazie all'enorme successo dell'opera e delle sue trasposizioni cinematografiche, non tutti sanno che l'autore ha sfornato anche altri interessanti esempi di letteratura gotica dell’orrore. Nato l’8 novembre del 1847 a Dublino, si diplomò in matematica al Trinity College di Dublino, e nello stesso prestigioso istituto intraprese una brillante carriera accademica. In gioventù si avvicinò al mondo del teatro, diventando critico critico teatrale per il Dublin Evening Mail. La sua attività letteraria ebbe inzio negli anni Settanta dell’800, con la pubblicazione di alcuni racconti, e prese definitivamente il volo una volta che l'autore si straferì a Londra insieme alla moglie Florence Balcombe.

Proprio nella Londra vittoriana Stoker venne in contatto con grandi personaggi della cultura dell'epoca, come il creatore di Sherlock Holmes, Arthur Conan Doyle. Nel 1890 Stoker termina di scrivere Il Passo del Serpente, che rappresenta il suo primo vero romanzo, mentre nel 1897 darà alla luce da Dracula, la storia del conte-vampiro che dalla Transilvania si sposta in Inghilterra alla ricerca di nuove vittime, ma deve fare i conti con il metafisico olandese Abraham Van Helsig. Grande studioso dei miti orientali dedicati al vampirismo, Stoker concepì la sua opera in forma epistolare, come insieme di lettere, telegrammi e pagine di diario tutte frutto della sua fantasia.

Il romanzo, definito come un'opera in stile gotico, era destinato a diventare celebere in tutto il mondo: il suo successo è dovuto anche al ritrovamento del manoscritto originale, perso dall'autore e ritrovato solo negli anni Ottanta del Novecento in Pennsylvania. Una circostanza che contribuì a creare quell'alone mitico che ancora circonda il Dracula di Stoker.

Sono tante le pellicole cinematografiche ispirate alle avventure del Conte Dracula: le più note sono certamente il Nosferatu del 1922, primo vero capolavoro del cinema muto in stile horror, e quello prodotto e diretto da Francis Ford Coppola, intitolato proprio Dracula di Bram Stoker, che ottenne tre premi Oscar nel 1992. Ma al di là dei film dedicati alla figura di Dracula, il suo personaggio ha imperversato sugli schermi nell'ultimo secolo in oltre 600 film, con apparizioni sporadiche in pellicole di tutti generi, dal comico (come il Dracula – Morto e contento di Mel Brooks nel 1995) al gotico, all'erotico, per poi finire anche in serie tv e musical.

Stoker non si ferò certo a Dracula: altri romanzi dell’orrore meno noti sono La dama del sudario (1909) e La tana del Verme Bianco (1911), ma certamente il Conte-vampiro resta la sua più geniale intuizione letteraria.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017