Excite

Cambi: "Sniffavo e bevevo tutto il giorno"

Cocaina e alcol dalla mattina alla sera. Questa la vita di Matteo Cambi, creatore della nota marca di abbigliamento "Guru", prima di finire in cella. A raccontarlo lo stesso Cambi ai periti del tribunale. Ora nel carcere di Parma è seguito dal Sert.

Guarda alcune immagini di Matteo Cambi

"Mi trattano bene. Faccio la mia passeggiate e sono fiducioso. E penso spesso alle persone che lavoravano per me. I dipendenti della Guru. Mi chiedo che fine abbiano fatto" ha detto Cambi al consigliere regionale Paolo Nanni che lo è andato a trovare.

La vita di Matteo Cambi, prima di essere arrestato per il fallimento della sua azienda, era un vero e proprio delirio. Ogni giorno il giovane assumenva dagli 8 ai 10 grammi di cocaina, più 2 litri tra vino e superalcolici. "Ho cominciato con l'alcol, quando ero ragazzo e andavo in discoteca - ha raccontato Cambi - mi stordivo troppo. Così per svegliarmi un po' ho cominciato con la cocaina. Non ero ancora il Matteo Cambi, quello famoso, della Guru. Poi non sono più riuscito a fermarmi. Per alzarmi al mattino la sniffavo. Poi il vino per calmare l'ansia e stemperare l'eccitamento. E di nuovo la coca per ricaricarmi".

Lo psichiatra Simone Bertacca, del Sert di Bologna, ha parlato di una personalità adolescenziale. "E' un ragazzo che ha grosse difficoltà di concentrazione, memoria e attenzione - ha detto Bertacca - è vissuto obnulibato per almeno quattro anni. Uno sciagurato, non una vittima, senza dubbio. Che però nessuno ha fermato. E' stato un 'poliabusatore'. Più sostanze mixate nella giornata: per svegliarsi, per lavorare, per mangiare, per dormire... Uno stato accompagnato da problemi di infantilismo e megalomanie. Non una vittima — ha poi aggiunto Bertacca — ma una personalità adolescenziale sì. Ha fatto dei test e non sono andati bene. E' come Mister Magoo, vive in una realtà tutta sua. Estranea. E' il danno più evidente che l'assunzione di quella robaccia fa, se cominciata a prendere da giovani. Dico di star attenti agli effetti: nervosismo, insonnia, tensione, rabbia, noia, tremori tutti insieme nei ragazzi sono più che un sintomo. E' un'idiozia far finta di non vederli".

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016