Excite

Canada: sparatoria contro il nuovo premier del Quebec

  • Youtube

L'ennesima notizia di una sparatoria nel continente americano arriva dal Quebec, in Canada: stavolta potrebbe esserci un movente politico dietro il folle gesto, avvenuto durante i festeggiamenti per la vittoria elettorale dei separatisti, nella sala da concerti di Montreal. Mentre la leader del partito e futura premier Pauline Marois era salita sul palco per il classico discorso di ringraziamento, un uomo ha aperto il fuoco sui presenti provocando un morto ed un ferito in gravissime condizioni.

Sparatoria a New York: la polizia uccide un uomo a Time Square

A poche ore dalla chiusura dei seggi per le elezioni legislative, il Quebec ha vissuto attimi di terrore quando un uomo armato di carabina ha iniziato a sparare nella sala, pochi istanti dopo la comparsa della leader dei separatisti sul palco. Prima donna alla guida della storica provincia francofona, il nuovo primo ministro Pauline Marois non ha fatto in tempo ad aprire il suo discorso con la frase "il futuro del Quebec, è quello di diventare un Paese sovrano", che subito si sono avvertiti gli spari.

Attentato alla leader separatista del Quebec: guarda il video

La leader separatista è stata bruscamente interrotta dall'arrivo delle sue guardie del corpo, che l'hanno subito portata via dal palco tra il panico generale, ed è uscita illesa dall'incidente, mentre il responsabile della sparatoria è stato subito individuato ed arrestato. Non sono ancora noti i moventi dell'attentatore, ma sembra che al momento dell'arresto abbia dichiarato in francese, con forte accento anglofono, "gli inglesi si stanno svegliando". Secondo quanto riportato dai media locali, prima di aprire il fuoco sula folla, l'uomo aveva provato ad incendiare la sala mentre la Marois si preparava ai festeggiamenti per la vittoria elettorale del suo partito.

Un successo di misura, che renderà non semplice il compito della Presidente, ma che segna comunque un fatto storico per il Quebec: i separatisti del Pq (Parti Quebecois) hanno sconfitto il partito liberale del premier uscente Jean Charest, che ha retto al governo del Paese per nove anni, con il 32% dei voti contro il 31% dell'avversario. Mentre un'altra forza nascente nel panorama politico locale si è affermata con successo: il Caq (Coalition Avenir Quebec), movimento nazionalista ma non indipendentista, ha conquistato il 27% dei voti.

Uno scenario non semplice per la premier in pectore Pauline Marois, che nel suo discorso da neoeletta, ripreso dopo l'arresto del folle attentatore, ha sottolineato l'intento di trasformare la provincia canadese in un Paese indipendente.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017