Excite

Firenze, uccide e mangia il cane della sorella

Rischia ora 3 anni di carcere per maltrattamento di animali il 23enne che ha ucciso e poi mangiato il cane della sorella perché, a suo giudizio, disturbava. L'atroce fatto è avvenuto in un casolare tra le colline fiorentine. La notizia ha suscitato la dura e forte reazione della associazioni animaliste. L'Enpa, l'ente nazionale protezione animali, ha così commentato: 'Un'atrocità inaudita, una cosa mai vista'.

E di 'atrocità inaudita' in effetti si è proprio parlato. La povera bestiola, un cane corso, è stata uccisa e scuoiata. Le sue zampe sono state sono state sottoposte alla lavorazione tipica del prosciutto e la pelle è stata appesa come stuoia all'interno del casolare dove i due senza fissa dimora vivevano.

Il 23enne, autore dell'orribile gesto, ha scritto sulla sua pagina Facebook: 'Scuoiare i cani è eticamente ammesso? Dopo che ho ucciso capretti e polli, ho preso la decisione più truce: ho ucciso il mio cane, l'ho appeso come un coniglio e denundato'. Alle guardie dell'Enpa il ragazzo ha prima detto di non aver ucciso lui l'animale che gli era stato affidato dalla sorella, sostenendo che l'animale era finito sotto un'automobile, ma dopo ha ammesso di essere lui il colpevole. E ha detto: 'La carne canina è buona e saporita, ha un aroma di tartufo'.

Il presidente di Aidaa, Lorenzo Croce, ha chiesto l'arresto per il 23enne. Croce ha affermato: 'Un reato di questa efferatezza merita una punizione esemplare'.

Foto: wikimedia.org

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017