Excite

Cane sepolto vivo per 48 ore, è salvo

  • Quotidiano.net

Ha dell'incredibile quello che è accaduto, a Desenzano, in provincia di Brescia, ad un esemplare di breton di colore bianco e rossiccio, sepolto vivo dal suo padrone. Un atto di sconcertante disumanità.

Jerry, così si chiama la bestiola, è rimasto sotto un cumulo di ghiaia e mattoni per quasi 48 ore, fino a quando due ragazzi che hanno udito i lamenti provenienti da sotto terra, hanno immediatamente capito e avvertito la polizia. Le autorità una volta sul posto hanno cominciato a scavare, trovandosi di fronte ad una scena agghiacciante: il cane giaceva in fin di vita impaurito, completamente immobile, con gli occhi coperti da una benda.

Gli agenti hanno prontamente soccorso Jerry somministrandogli dell'acqua. "Dai primi accertamenti medici - ha spiegato il comandante della Polizia locale, Carlaberto Presicci - risulterebbero probabili lesioni all'addome e piaghe da decubito. Ma il cane non è in pericolo di vita".

Un miracolo che il breton si sia salvato: non è in pericolo di vita e, a breve, sarà affidato al canile di Desenzano. Ma chi è stato il responsabile di un atto di tale crudeltà? Il suo padrone, rintracciato grazie al tatuaggio che Jerry portava sulla zampetta. Si è scoperto che l'uomo dopo aver usato il cane per la caccia per quasi 13 anni si sia voluto sbarazzare di quest'ultimo forse perchè non più utile.

L'uomo è stato fermato per maltrattamenti di animali, con l'aggravante della crudeltà. "Un fatto di una gravità inaudita che purtroppo conferma come, nonostante i passi avanti compiuti dal nostro Paese in materia di tutela e protezione degli animali, continuino a sussistere pericolose sacche di inciviltà di ignoranza, di intollerabile crudeltà - ha detto il presidente nazionale dell'Enpa, Carla Rocchi -. L'Enpa si costituirà parte civile nel procedimento a carico dell'indagato. Auspico che le persona sia punita con una punizione esemplare. La nostra coscienza del nostro Paese non può accettare che si verifichino episodi così raccapriccianti".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017