Excite

Cani avvelenati all'Ikea di Catania: il video-shock fa esplodere la rabbia

  • Geapress.org

Sono morti tra atroci sofferenze due dei quattro cani avvelenati giovedì 22 novembre nel parcheggio dell'Ikea di Catania: una brutta storia su cui sono ancora in corso accertamenti per individuare i responsabili del gesto insensato. La vicenda ha scatenato la rabbia degli animalisti e non solo: l'indignazione è montata soprattutto in rete, dove in migliaia hanno protestato contro il gesto vile di eliminare i poveri animali con del cibo avvelenato. L'episodio raccapricciante è stato raccontato dal video-shock diffuso dal sito Geapress: un filmato che riprende la tragica sequenza dei soccorsi ai randagi in agonia.

Cani avvelenati all'Ikea di Catania: guarda le foto-shock

I cani che sostavano nell'area della bambinopoli di Ikea venivano assistiti da un'associazione animalista della zona, L'altra zampa: proprio i volontari hanno scoperto i quattro randagi in preda alle convulsioni e li hanno assistiti allertando i veterinari. Per due di loro non c'è stato nulla da fare, sono morti dopo una lunga agonia. Un altro cane è stato salvato grazie alle cure mediche e solo uno dei randagi è rimasto illeso in quanto non ha ingerito il veleno.

Cani torturati al pet-shop: guarda il video

La polizia locale sta raccogliendo testimonianze e indizi per ricostruire la dinamica dei fatti: sembra che l'avvelenamento si sia consumato nella serata di giovedì, intorno alle 19,45 nel parcheggio del megastore di Catania. Dai filmati ripresi dalle telecamere a circuito chiuso, subito richiesti all'azienda, non sono emersi dettagli rilevati per le indagini. Si sta indagando anche sulla provenienza di una telefonata anonima pervenuta all'associazione L'altra Zampa, una soffiata nella quale si annunciava l'imminente avvelenamento degli animali allertando i volontari a controllare la zona. Tanto che, nei giorni immediatamente precedenti all'episodio, erano state organizzate delle ronde notturne.

Ikea è intervenuta sulla questione con una nota, sostenendo di avere già da tempo segnalato alle autorità la questione del randagismo: "Già a pochi mesi dall’apertura di Ikea a Catania - si legge nel comunicato - nel parcheggio e nelle aree adiacenti al punto vendita è stata rilevata la permanenza di cani randagi. Ikea si è subito attivata ed ha sollecitato a più riprese l’intervento da parte del Comune, della Provincia di Catania, della Regione Sicilia e dell’ASL locale, facendo anche proposte concrete per risolvere al meglio il problema ed assicurare la tutela dei cani così come la tranquillità di collaboratori e clienti. Ad oggi purtroppo non ci risulta che gli enti preposti abbiano affrontato e gestito la cosa".

La vicenda, al centro di un'inchiesta della Procura della Repubblica di Catania, ha suscitato l'indignazione della rete, soprattutto in seguito alla diffusione del filmato che mostra le terribili immagini degli animali in agonia: il video ha fatto il giro del web e delle bacheche Facebook, suscitando comenti indignati nei confronti dei responsabili dell'avvelenamento, definiti senza mezzi termini "assassini".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017