Excite

Cani torturati al negozio di animali: il video-shock alla tv brasiliana

L'orrore dei maltrattamenti sugli animali in un negozio brasiliano è stato trasmesso dalle principali tv nazionali: in questo modo i proprietari hanno scoperto che i loro amici a quattro zampe erano stati sottoposti ad atrocità assurde in un luogo che avrebbe dovuto provvedere invece al loro benessere.

Cani maltrattati al pet shop: guarda il video

Registrato di nascosto da una delle impiegate di La Quatro Patas, un pet shop che offre un servizio di lavaggio e tolettatura per cani a Rio de Janeiro, il filmato riprende il figlio del proprietario mentre si accanisce su cuccioli inermi con pugni e schiaffi quando dovrebbe invece provvedere alla loro pulizia. Daniel Barroso, 20 anni, è stato visto anche anche colpire gli animali alla testa con bottiglie di shampo, sbatterli con violenza contro il muro e legarli zampe e muso prima di metterli sotto l'acqua corrente.

Maltrattamenti sugli animali: la sentenza storica della Cassazione

Il video è stato girato da una dipendente che ha deciso di denunciare le torture quotidiane perpetrate sugli animali che arrivavano in negozio: "Le aggressioni e i maltrattamenti sono stati costanti e gli animali piangevano per il dolore - ha dichiarato la donna all'emittente brasiliana RJTV - Alcuni lasciavano la stanza feriti e traumatizzati dalle percosse". Così le immagini sconcertanti sono state trasmesse in tv, scatenando un'ondata di reazioni indignate, soprattutto da parte dei proprietari dei cani, che hanno messo in atto una vera e propria ritorsione provando a distruggere le vetrine del pet shop. Gli agenti di polizia hanno dovuto presidiare la zona per evitare che ci scappassero feriti.

Una delle scene più raccapriccianti riguarda un docile labrador nero di nome Thor, che è stato oggetto di pugni e calci per l'intera durata del bagno e nonostante l'aggressione non ha mai reagito contro l'uomo. Scioccata dal video, la proprietaria del cane, il proprietario del cane, Vera Fernandes, ha dichiarato: "Sono assolutamente inorridita. L'ho portato lì ogni settimana, era la sua delizia. Non avrei mai immaginato che potesse accadere una cosa del genere". La proprietaria di un altro cucciolo, di nome Pink, ha spiegato in lacrime di non riuscire nemmeno a guardare le immagini del suo cane sbattuto contro il bagno e costretto a sopportare un getto d'acqua contro il muso: "Non ho mai sospettato nulla. La proprietaria del negozio sembrava una donna amabile. Voglio giustizia per il mio cane e sarò disposta a portarli in tribunale".

Solange Barroso, la proprietaria del pet shop, si è detta completamente estranea ai fatti e si è scusata con i proprietari, dichiarando di non essere mai venuta a conoscenza dei maltrattamenti. Una tesi che non convince in pieno, anche perchè la si scorge in alcuni punti del filmato. Le autorità di polizia hanno sospeso la licenza del negozio e aperto un'inchiesta sugli abusi: se fosse condannato, l'autore delle torture potrebbe dover scontare sei mesi di carcere.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017