Excite

Carceri francesi: disumane

Il comitato europeo per la prevenzione della tortura (Cpt) ha aperto un’inchiesta sulle carceri francesi. Il trattamento dei detenuti nelle carceri del paese è stato definito dall’ultimo rapporto del Cpt “disumano e degradante”, rilevando l’unica nota lieta nel leggero miglioramento delle condizioni generali rispetto al 2003.

I membri del Cpt sono rimasti particolarmente colpiti da una visita effettuata tra settembre e ottobre 2006 presso l’unità ospedaliera di Moulins Yzeure. Qui la delegazione ha constatato che “i detenuti vengono sistematicamente legati ai loro letti, senza interruzione, spesso con manette alle caviglie e con una mano bloccata alla rete del letto”.

La situazione non va meglio presso il centro detentivo di Fresnes (Val de Marne), il Cpt ha rilevato come, nell’attesa di una ospedalizzazione psichiatrica, i detenuti “presentavano uno stato di sofferenza acuta, rinchiusi nelle cellule di isolamento…, obbligati a restare nudi nelle celle, sottomessi ad un controllo visivo regolare del personale penitenziario”

Nel paese transalpino sono presenti 187 prigioni. “in ognuna di queste” scrisse qualche anno fa il giornalista Edgar Roskis, vige “un regolamento diverso, ossia una totale mancanza di Legge. Ne sanno qualcosa i detenuti che, quando vengono assegnati o trasferiti a un determinato carcere, pregano di non finire in qualche inferno”.

In Francia la popolazione carceraria è di 64.400 unità, circa 12.600 detenuti in più della capacità prevista dalle carceri nazionali. Rachida Dati, guardasigilli francese, potrebbe chiedere la soluzione del problema all’attuale Ministro della giustizia italiano. Bonne fortune…

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016