Excite

Carlo Lissi ha confessato: ha sgozzato la moglie Maria Cristina Omes e i due figli. "Amavo un'altra"

Carlo Lissi ha confessato: ha sgozzato moglie e figli. "Amavo un'altra, la famiglia era per un ostacolo". Con queste motivazioni l'uomo di Motta Visconti ha giustificato il folle gesto che lo ha portato ad uccidere la sua famiglia nella notte tra il 14 e il 15 giugno. In un primo momento l'uomo aveva raccontato di essere rincasato alle 2, dopo aver visto la gara della nazionale italiana contro l'Inghilterra, ed aver trovato i cadaveri della moglie e dei due piccoli figli. Niente di tutto ciò, la tragedia si era già consumata.

Le foto di Maria Cristina Omes su Facebook

Le prime indagini avevano subito fatto capire che la versione raccontata dal Lissi era poco credibile: numerose le incongruenze rispetto alle testimonianze di amici e parenti. Non aver risparmiato nemmeno il piccolo di 20 mesi faceva cadere anche l'ipotesi di una sanguinosa rapina e il mancato ritrovamento dell'arma del delitto rendeva poco plausibile un eventuale omicidio-suicidio.

Il Look Back su Facebook di Maria Cristina Omes

Dopo l'ultimo interrogatorio avvenuto nella caserma di Abbiategrasso, l'uomo è crollato raccontando i dettagli della sua follia: un'infatuazione per una donna, una collega che, nonostante le numerose avances, non ricambiava il suo amore. Così la sera del 14 giugno, dopo un momento d'intimità, Lissi ha preso un coltello in cucina ed ha colpito la donna. "Carlo, perché mi fai questo?", sono state le ultime parole di Maria Cristina Omes. La donna e figli sono stati sgozzati con numerose coltellate, il cadavere della moglie era riverso in soggiorno, mentre quello dei due piccolini rispettivamente in cameretta e nel letto matrimoniale. Successivamente, alle 23, l'impiegato si è lavato e vestito e si è recato in un vicino pub con un amico per assistere alla partita dell'Italia. Al termine della confessione, Lissi ha dichiarato di volere il massimo della pena.

Arrestato Carlo Lissi: ha sgozzato moglie e figli

Dalla multinazionale in cui lavora Carlo Lissi nessun commento: "Abbiamo ricevuto tassative disposizione di non dire nulla", ha riferito l'impiegata del banco informazioni della Wolters Kluwer.

Così gli unici elementi che si possono cogliere sul perché di un gesto così eclatante, si trovano sulla pagina Facebook della donna, dove emerge il suo rancore, per una possibile crisi di coppia: in un post negli scorsi giorni, Maria Cristina Omes aveva palesato la sua amarezza. "Anche se nella vita tu ci sei per tutti, non è detto che tutti ci siano per te", si legge in data 5 giugno. E' il suo ultimo messaggio.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017