Excite

Carmela Rea, sul corpo 35 coltellate e nessuna violenza sessuale

Il giallo di Carmela Rea, detta Melania, la 29enne scomparsa il 18 aprile sul pianoro di Colle San Marco ad Ascoli Piceno e ritrovata mercoledì sgozzata a Ripe di Civitella in provincia di Teramo (leggi la notizia), è ancora aperto. Inquietanti le condizioni del corpo ritrovato dalle forze dell'ordine. E tanti sono gli intterrogativi. Cosa è accaduto nei nei 200 metri in cui la donna si è trovata sola?

Le Procure di Teramo e Ascoli Piceno hanno subito avviato le indagini sull'omicidio e sebbene manchino ancora movente ed assassino qualcosa sta venendo a galla. Quel che è certo è che la giovane donna è stata colpita da 35 coltellate 'inferte con impeto, senza premeditazione' e che c'è un solo testimone della scomparsa, il marito Salvatore Parolisi, caporalmaggiore e istruttore presso il 235/o reggimento Piceno. Sul suo corpo, poi, non è stato trovato alcun segno di violenza sessuale.

Secondo quanto fatto sapere dall'anatomopatologo, le 35 coltellate sono state inferte nel periodo di tempo tra le 24.00 del 18 aprile e le 3.00 del 19. Quindi 9-12 ore dopo la denuncia della scomparsa. E, a quanto pare, il delitto sarebbe stato commesso in un luogo diverso da quello in cui è stato trovato il corpo. Proprio nell'area dove è avvenuto il ritrovamente del cadavere, Carmela e Salvatore, con la loro bimba di 18 mesi, si erano recati lunedì per una scampagnata.

Riferendo quanto raccontatogli dal fratello, Rocco ha spiegato: 'Poco dopo essere arrivati Carmela ha detto che doveva andare al bagno; Salvatore voleva accompagnarla, ma siccome la bambina non voleva scendere dall'altalena, non l'ha seguita, chiedendole di portargli un caffè dal chiosco. Dopo 20 minuti, non vedendola tornare, ha dato l'allarme'. E il fratello di Carmela ha detto: 'Mia sorella non si sarebbe mai allontanata da sola. Di ipotesi ne abbiamo fatte. E' una cosa stranissima quella che è accaduta, e non ce la spieghiamo'.

Le siringhe trovate conficcate nel corpo di Carmela fanno ipotizzare che la donna possa essere stata narcotizzata. C'è poi il taglio sulla coscia destra, che sembra una svastica. Un taglio che ha indotto il Gruppo antinazista EveryOne ad ipotizzare un culto nostalgico. Il corpo di Carmela è stato ritrovato il 2 aprile, anniversario della nascita di Hitler. Forse non una casualità.

Le ipotesi al vaglio degli investigatori sono tante. Si indaga anche sulla strana coincidenza della scomparsa di Carmela Rea proprio vicino al Bosco dell'Impero dove lo scorso 5 gennaio è stato ritrovato il cadavere mutilato di Rossella Goffo, la funzionaria della Prefettura di Ancona scomparsa il 4 maggio 2010. Anche Rossella Goffo, come Carmela Rea, era bruna e con i capelli lunghi.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017