Excite

Carmela Rea, Salvatore Parolisi rimane in carcere

  • LaPresse

Salvatore Parolisi, marito di Carmela Rea trovata morta il 20 aprile in un boschetto di Ripe di Civitella del Tronto, resta in carcere. L'uomo, accusato di omicidio volontario pluriaggravato dal vincolo di parentela e crudeltà, è stato arrestato lo scorso 19 luglio (leggi la notizia). La difesa aveva presentato istanza di scarcerazione sostenendo che il quadro indiziario era mutato, ma il Tribunale del riesame dell'Aquila ha respinto l'istanza per il caporalmaggiore dell'esercito e ha così confermato l'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Teramo, Giovanni Cirillo, lo scorso 2 agosto.

Tutte le notizie sull'uccisione di Carmela Rea

Il luogo in cui è stato ritrovato il corpo di Carmela Rea

I funerali di Carmela Rea

I legali di Parolisi hanno immediatamente annunciato che faranno ricorso alla Corte di Cassazione. L'avvocato Nicodemo Gentile che, assieme al collega Valter Biscotti, difende il caporalmaggiore dell'esercito ha detto: 'Rispettiamo la decisione del Tribunale e attendiamo di conoscere le motivazioni, che esamineremo con attenzione'.

Gentile ha poi aggiunto: 'Ci dispiace constatare che il Tribunale, nonostante i dati tecnici, le testimonianze e i dati di fatto, abbia dimostrato poco coraggio facendo finta di non vedere'. E ha aggiunto: 'Sapevamo che la nostra sarebbe stata una battaglia difficile. Faremo ricorso alla Corte di Cassazione confidando nell'accoglimento delle nostre richieste'.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017