Excite

Caso marò, sentenza ancora posticipata. Farnesina: "Piani concreti da attuare"

  • Facebook

E' durata meno di 24 ore la speranza della Farnesina di ottenere dalla Corte Suprema di New Delhi la sentenza sul caso dei due marò italiani prima dello stop delle attività per le feste natalizie. Oggi infatti è arrivata la notizia che - ancora una volta - il massimo tribunale indiano ha scelto di rinviare la decisione a data da stabilirsi. Una presa di posizione che il governo italiano ha criticato duramente, definendola assolutamente incomprensibile "agli occhi delle istituzioni e dell'opinione pubblica" e causa di "forte preoccupazione".

India, marò lasciano il carcere: inizia una stagione di rinvii

Secondo la nota ufficiale diffusa dal Ministero degli Interni, infatti, "il mancato riconoscimento della giurisdizione dello Stato di invio dei militari" potrebbe avere "conseguenze negative" sull'impegno internazionale "nella lotta contro la pirateria in alto mare e nelle missioni di pace all'estero". Come si ricorderà, i sottufficiali della Marina Militare, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, sono stati arrestati per avere ucciso due pescatori mentre fornivano servizio di scorta alla petroliera Enrica Lexie, ritenendo che fossero dei predoni.

Marò India, Farnesina chiede "sentenza prime delle feste"

Il governo ha quindi garantito "immutato vigore" nell'impegno per vedere riconosciuta la propria giurisdizione e riportare a casa al più presto i marò e il ministro Terzi ha successivamente rilasciato una notizia 'sibillina', affermando che qualora la vicenda "non dovesse risolversi", l'Italia ha "delle altre strade e dei piani concreti da attuare, sui quali il governo ha già ponderato le sue valutazioni". Un'affermazione che ha ovviamente suscitato molto interesse, ma a proposito della quale il titolare degli Affari Esteri ha detto di "non potere anticipare" nulla.

Intanto questa mattina i familiari di Latorre e Girone sono stati ricevuti al Quirinale e il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, ha espresso loro tutta la sua solidarietà, confermando altresì il "costante, forte impegno delle istituzioni per una rapida soluzione della dolorosa vicenda".

Dall'India, infine, proprio oggi è arrivata la notizia che i due marò avrebbero presentato istanza al tribunale dello Stato indiano del Kerala (dove sono trattenuti dallo scorso febbraio) di poter tornare in Italia per le festività natalizie. A confermare la richiesta tanto l'agenzia locale Pti che alcune fonti italiane 'informate' sulla vicenda.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017