Excite

Catania, scandalo all'Università. Sesso in cambio di un buon voto

E' finito nel mirino della Procura di Catania Elio Rossitto, professore di Economia alla facoltà di Scienze Politiche a Catania. L'uomo è stato accusato da una studentessa di aver chiesto favori sessuali in cambio di un aiuto. La Procura ha così aperto un fascicolo al momento, tuttavia, senza ipotesi di reato. Sulla questione è intervenuto anche il Senato Accademico che, per volere del rettore Antonino Recca, ha aperto un'inchiesta interna.

Come riportato dal quotidiano La Sicilia il professor Rossitto avrebbe accompagnato la studentessa in un albergo della città e all'uscita sarebbe stato ripreso da una troupe televisiva, i cui componenti hanno detto di essere della redazione de la nota trasmissione di Italia1 "Le Iene".

Il docente, che insegna anche all'Univesrità di Kore a Enna, in passato è stato sindaco di Cassaro, consulente di più presidenti della Regione ed è stato imputato, poi non condannato, in un'inchiesta su tangenti a Catania.

Intervistato da La Sicilia il professor Rossitto ha affermato di "essere caduto in una trappola, un po' da cretino e un po' da maschilista" e ha negato di avere avuto rapporti con la studentessa. Il docente ha detto: "Siamo rimasti in camera non più di quattro minuti".

Ma anche la studentessa ha reso nota la sua versione dei fatti. Intervistata dall'emittente televisiva regionale Telecolor, Dominique, 20 anni, ha detto: "A me ha chiesto rapporti sessuali completi. Poi è sceso a proposte a sfondo sessuale in cambio del 30 e per spianarmi la carriera verso la laurea". La ragazza ha poi affermato: "Il professore si è avvicinato durante una lezione, mi ha detto che mi aveva visto seguire il suo corso l'anno scorso, che avevo perso un anno e che era un peccato. Dunque mi ha invitato a seguirlo nell'aula di ricevimento, dove mi ha parlato di poter dare la sua materia con il massimo dei voti senza sostenere alcun esame. Al che ho capito cosa aveva in mente il professore, perché giravano voci di corridoio".

La studentessa ha aggiunto: "A rispondere ci sono dei fatti documentati da 'Le iene', inoltre molte altre ragazze si stanno mobilitando per dare testimonianze. E' una prassi del professore. A 'Le Iene' parleranno altre tre ragazze che hanno avuto richieste a cui sono seguite bocciature o voti minimi". A quanto pare il docente avrebbe chiesto alle altre ragazze comportamenti a sfondo erotico. "Il professore fa il piedino durante gli esami che tiene a porte chiuse - ha spiegato la studentessa - e un comizio con proposte del tipo 'Ci facciamo fidanzati per dieci minuti? Se vieni a casa mia hai il trenta e lode sicuramente'. Di questo mi assumo la responsabilità perché è quello che ho sentito. Con me ha avuto un atteggiamento paterno. Mi ha detto che mi avrebbe fatto fare un esame in sede privata. Io ho detto che non ero preparata e ho immaginato cosa volesse. Cosa chiedo? Giustizia, se si può parlare di giustizia".

Come riportato dal quotidiano La Sicilia, nel frattempo l'Università di Catania ha formalmente avviato la contestazione degli addebiti al professor Elio Rossitto dopo la denuncia. Un comunicato diffuso dall'ateneo recita: "Alla luce delle notizie di cronaca e dalle dichiarazioni riportate dagli organi di stampa e, in particolare, dal quotidiano La Sicilia di oggi, l'amministrazione dell'università di Catania ha provveduto ad avviare la contestazione degli addebiti nei confronti del prof. Elio Rossitto, docente della facoltà di Scienze politiche, al quale sono stati concessi venti giorni di tempo perché rappresenti le sue deduzioni. Questo permetterà, subito dopo, di trasmettere la pratica al Consiglio universitario nazionale per i provvedimenti conseguenti".

Foto: flickr.com

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016