Excite

Cermis, motoslitta in un dirupo: 6 morti, 2 feriti gravi

  • YouTube

E' di 6 morti e 2 feriti gravi il bilancio del tragico incidente avvenuto ieri sera in Trentino Alto Adige, su una 'pista nera' del Cermis. Una comitiva di turisti russi a bordo di una motoslitta è infatti finita a forte velocità in un dirupo e gli occupanti sono stati sbalzati fuori, precipitando per oltre 100 metri oltre le reti di recinzione.

Cermis, motoslitta in un dirupo: 6 morti e 2 feriti. Il video

A quanto si apprende, i turisti stavano tornando al proprio albergo Doss dei Laresi dopo una serata passata in quota, nel ristorante di uno dei rifugi della zona detta Alberghi, ed erano tutti a bordo di una motoslitta con rimorchio, su cui viaggiava anche la titolare dell'hotel dove il gruppo soggiornava, pure lei russa. La ricostruzione dell'incidente è ancora parziale, ma sembra che la persona alla guida del mezzo abbia perso il controllo - per la velocità elevata o per le condizioni del fondo, ancora non è chiaro - e il gatto delle nevi sia finito contro le reti recinzione della pista nera Olimpia 2, che di sera è chiusa al pubblico. La motoslitta si è ribaltata ed è finita nel dirupo, dove ci sono rocce e alberi.

"Erano circa le 21.40 e stavamo scendendo dalla pista Olimpia 3 del Cermis", ha raccontato a Repubblica un testimone, Cesare Perini. "Avevamo intenzione di sciare ancora, quando abbiamo visto una motoslitta con sirena risalire la pista a grandissima velocità, e un carabiniere, poco dopo, in modo brusco ci ha invitati a concludere il percorso". L'addetto alla funivia ha poi spiegato alla comitiva di cui Perini faceva parte che "gli era stato comunicato di non far più risalire nessuno, perché c'erano stati dei morti nella pista più a monte".

Le vittime sono quattro uomini e due donne, mentre i feriti, uno dei quali risulta essere particolarmente grave, sono stati trasportati subito con un elicottero militare arrivato da Bolzano agli ospedali di Cavalese e S. Chiara di Trento. Il bilancio dovrebbe essere definitivo, anche se le ricerche sono ancora in corso perché l'area dove è precipitata la motoslitta è particolarmente scoscesa e ricca di alberi, due fattori che hanno resomolto difficili i soccorsi, che però sono stati tempestivi ed efficienti.

La zona della tragedia, il monte Cermis in Val di Fiemme, è la stessa dove in passato si sono registrati altri due gravissimi incidenti: nel 1976, infatti, ci furono 42 morti per il distacco di una cabina della funivia, mentre il 2 febbraio 1998 19 persone morirono a causa di un aereo militare USA che si schiantò contro l'impianto di risalita.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017