Excite

Charleston, strage in chiesa: 21enne spara e uccide nove persone. "Crimine d'odio razziale", caccia al killer

  • Twitter

di Simone Rausi

Strage in una chiesa di Charleston, negli Usa, dove un uomo bianco di circa 21 anni ha fatto irruzione armato e ha ucciso nove persone, ferendone molte altre (il bilancio non fa ancora riferimento ad un numero preciso). Il colore della pelle diventa una componente fondamentale in quello che gli inquirenti hanno già definito un “crimine d’odio”. La chiesa in cui si è consumato il pluriomicidio è infatti la Emmanuel African Methodist Episcopal Church, una delle più vaste congregazioni di afroamericani dello Stato. Tutte le vittime sono di colore.

Michael Slanger, poliziotto americano, arrestato per omicidio di un cittadino nero a Charleston

Il massacro è avvenuto intorno alle ore 21.00 (le 3.00 del mattino circa in Italia). Le persone all’interno della chiesa erano impegnate in delle letture quando il giovane ha cominciato a sparare all’impazzata. Dopo aver lasciato dietro di sé una scia di sangue, l’uomo è riuscito a fuggire. Adesso la polizia è sulle tracce di un ragazzo con jeans, stivali, felpa grigia e senza barba. Secondo gli inquirenti il movente razziale è il più accreditato. “L’uomo ha ucciso da solo” ha dichiarato Gregory Mullen, capo della polizia di Charleston. “E' inimmaginabile che qualcuno nella società di oggi entri in una chiesa mentre la gente prega e la uccida.

Charleston, tra l’altro, non è certo nuova a questo tipo di tensioni razziali che stanno riaccendendo gli Usa. Circa due mesi fa, ricorderete, il poliziotto bianco Michael Slanger è stato accusato di aver sparato e ucciso il cittadino nero Walter Scott senza alcun motivo. La scena, ripresa da un testimone, era poi finita su Internet.

Tra le vittime della chiesa di Charleston anche il pastore Clementa Pickney. Il reverendo, tra l’altro, era anche un senatore democratico della South Carolina. La classe politica si sta in queste ore mobilitando per quanto accaduto. Joe Bush ha cancellato alcuni impegni della campagna elettorale che si sarebbero tenuti proprio a Charleston. Hillary Clinton si è invece affidata a Twitter: “Notizia terribile da Charleston, i miei pensieri e le mie parole sono con voi”.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017