Excite

Cina, la storia del piccolo Lao Lu incatenato per non essere perso

Ha fatto il giro dei media la notizia che arriva dalla Cina il cui protagonista è Lao Lu bimbo cinese di due anni. E' stato il quotidiano britannico Mail Online a pubblicare la foto del piccolo incatenato a un palo della luce. Il padre, Chen Chuanliu, guidatore abusivo di risciò a Pechino, e la mamma disabile lo hanno legato per paura di perderlo. Il mese scorso la lora figlia di quattro anni, Ling, è scomparsa e il timore che la stessa cosa possa accadere al piccolo Lao Lu ha spinto la coppia a legarlo, proprio come si fà con una bicicletta. Può sembrare una storia di crudetà e soprusi, ma in realtà è una vicenda dalla quale emerge enorme disperazione.

Guarda le foto del piccolo bimbo cinese incatenato a un palo

Ad accorgersi del piccolo sono stati dei passanti, che quando lo hanno visto incatenato fuori dal centro commerciale Huaguan a Liangxiang hanno deciso di chiamare le autorità che hanno obbligato il padre di Lao Lu a liberarlo.

Il papà del piccolo non può mandarlo all'isolo nido perché è un lavoratore immigrato, proviene da un'altra provincia, e quindi non ha i requisiti per gli aiuti statali; non può neppure permettersi una baby sitter perché i cinque euro che guadagagna al giorno sono troppo pochi. Chen Chuanliu ha anche raccontato che gli sono stati offerti un bel po' di soldi per dare in adozione il piccolo Lao Lu, cosa che non ha mai voluto fare.

'Mia moglie non si può occupare di lui e io devo lavorare per sostenere la famiglia - ha affermato l'uomo - Per questo lo incateno a un palo quando faccio le corse. Non ho neppure una foto di mia figlia da usare come immagine segnaletica per rintracciarla. Non posso perdere anche mio figlio'.

Foto: dailymail.co.uk

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017