Excite

Cisl, nuovo attacco al sindacato

Ancora attacchi contro il sindacato cattolico Cisl. Dopo i fumogeni lanciati lo scorso settembre al leader Raffaele Bonanni alla festa del Pd, ieri mattina la sede confederale della Cisl nazionale è stata presa di mira da un gruppetto non identificato di esponenti di 'Action diritti in movimento' che, con vernice rossa e uova, ha imbrattato i muri della sede di via Po a Roma. Sono stati lanciati anche fumogeni ed alcuni volantini. Alcuni militanti della Fiom, inoltre, avrebbero fatto irruzione nella sede Cisl di Merate, nel Lecchese. Ma gli attivisti Fiom respingono l'accusa.

Guarda le foto

Tutte le parti politiche, dai sindacati e da Confindustria, hanno espresso solidarietà nei confronti della Cisl e hanno condannato l'attacco alle sedi del sindacato. Il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, in un colloquio telefonico con Bonanni, ha espresso la sua personale solidarietà e quella di tutta la sua organizzazione. Attraverso una nota il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, ha fatto sapere: 'E' ora di reagire con più decisione a una serie di azioni allarmanti, di atti violenti contro cose e persone anche attraverso, quando necessaria, la più ferma repressione degli atti criminosi. Troppa sottovalutazione, troppo perdonismo, anche in settori istituzionali, preparano solo attentati più gravi e l'affievolimento della democrazia. Adesso basta!'. Confindustria ha affermato che gli episodi di oggi 'sono di una gravità assoluta e contribuiscono ad alimentare un clima di violenza. Confindustria condanna fermamente tali comportamenti che non permettono alcun confronto civile e responsabile nell'interesse di tutte le forze democratiche e dei lavoratori'.

Sull'attacco alla sede di via Po indaga la Digos di Roma. Gli investigatori hanno già acquisito i filmati delle telecamere di sicurezza posizionate all'ingresso della sede del sindacato. Tramite una nota la Cisl ha denunciato: 'Si è trattato di un fatto molto grave che si aggiunge ai numerosi attacchi ed aggressioni in corso in questi giorni nei confronti delle sedi sindacali della Cisl'.

Il sindacato ha esortato i suoi iscritti, i suoi militanti e tutta la dirigenza a non farsi intimidire da questi episodi ed ha invitato il mondo politico ed istituzionale, e tutte le espressioni della società civile, a 'non dare spazio ai provocatori di ogni genere, prendendo le distanze in maniera netta da chi vuole destabilizzare il paese attraverso questi episodi di squadrismo e di violenta intolleranza nei confronti di una organizzazione sindacale libera e democratica come la Cisl'.

La segreteria nazionale della Cgil ha espresso la sua totale condanna nei confronti degli attacchi alla Cisl e, attraverso una nota, ha fatto sapere: 'Per la cultura e la storia della Cgil le sedi sindacali, tutte le sedi sindacali, sono un simbolo democratico e del lavoro e nessuna ragione può giustificare la loro violazione. Nell'esprimere solidarietà ed affetto alle lavoratrici Cisl che hanno subito l'intimidazione e alla Cisl tutta, la segreteria Cgil affronterà lunedì nell'incontro con la segreteria Fiom questo come primo argomento: è infatti inammissibile ed inaccettabile che non vi sia la più netta sanzione di tali comportamenti e che si possano ripetere'.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017