Excite

Concorso Scuola 2012, iscrizioni chiuse: è boom di partecipanti

  • Getty Images

E' scaduto oggi alle 14 il termine per inoltrare la domanda di partecipazione al Concorso della Scuola 2012 e in base ai primi dati diffusi dal Miur c'è stato un vero e proprio boom di iscrizioni: sono oltre 260 mila,infatti, gli aspiranti insegnanti che hanno utilizzato la procedura telematica predisposta per accreditarsi, 100 mila in più di quelli previsti. Un successo dal punto di vista del ministro Profumo, una vera e propria lotteria da quello dei partecipanti, dal momento che i posti 'in palio' sono 11.542.

Concorso Scuola 2012: il 'no' dei docenti precari, il video

Ora però la parola passa ai quiz. Il calendario delle prove sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale il prossimo 23 novembre e a quel punto si conoscerà il dove e il quando del primo test, giudicato unanimamente il più difficile: 18 domande di logica, 18 di comprensione del testo, 7 di informatica e altrettante di lingua straniera, alle quali rispondere (il meglio possibile) in 50 minuti. Una prova così complessa che, a quanto pare, la percentuale di successo tra chi si è cimentato con i diversi simulatori presenti in rete è del 5%: insomma, davvero bassina.

Tuttavia, oltre al calendario ufficiale, il 23 novembre il Miur pubblicherà anche una batteria di 3.500 domande dalle quali 'pescherà' poi le 50 con le quali si cimenteranno gli aspiranti professori. La strada per conquistare la tanto sospirata cattedra, allora, passa da quanti test 'di prova' si riuscirà a svolgere prima della preselezione, che sarà effettuata presso una serie di istituti e università già individuati e interamente online. In questo modo, chi passerà i quiz lo saprà in tempo reale e avrà modo di prepararsi al secondo step del concorso.

Concorso Scuola 2012: tutte le notizie

E se i partecipanti sono in ansia, di certo non dormono sonni tranquilli neppure al Miur: l'altissimo numero di iscrizioni, infatti, rende necessaria una macchina organizzativa altrettanto 'monster' ed efficiente. Il Ministro Profumo si è già attivato, nominando referente unica Lucrezia Stellacci, capo del dipartimento Istruzione, e convocando una riunione organizzativa per i prossimi 12 e 13 novembre al Cineca di Roma. L'aspetto più complesso è infatti quello relativo all'allestimento (in tempi brevissimi) di oltre 25 mila postazioni telematiche per i quiz e la 'formazione dei formatori', ovvero coloro che presiederanno alle prove: il tutto per la cifra indicativa di 1 milione di euro. "Non ci risultano altre prove di questo tipo non dico in Europa, ma nel mondo", ha dichiarato un funzionario del Miur e credergli non è difficile.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017