Excite

Contraccezione, ecco la pillola dei 5 giorni dopo

Ieri il Consiglio superiore di sanità (Css) ha dato via libera alla pillola dei 5 giorni dopo, in grado di inibire l'ovulazione fino a 120 ore successive a un rapporto sessuale. Gli esperti hanno spiegato che non si tratta di un prodotto abortivo e che è compatibile con la legge 194 sull'aborto purché si accerti con un test che la donna non sia già incinta per un precedente rapporto.

Il Css ha spiegato che l'aborto è la 'rimozione dell'embrione già annidato in utero, che avviene dopo il sesto o settimo giorno da un rapporto potenzialmente a rischio', mentre la nuova pillola è utilizzabile prima che si verifichi l'eventuale annidamento, successivamente non ha effetto. Quindi parlare di aborto in questo caso è sbagliato.

Ma non tutti la pensano allo stesso modo. Come, ad esempio il cardinale Elio Sgreccia, presidente emerito della Pontificia Accademia per la vita, che ha detto: 'E' un aborto a tutti gli effetti, un aborto di raffinata malizia: una pillola del giorno dopo 5 volte'. E ancora: 'Per quanto so questa pillola intercetta il processo di impianto già iniziato e quindi un essere vivente, perché la vita inizia con la fecondazione. Mi auguro che questa delibera sia responsabilmente respinta dal governo'.

Il nome della pillola in questione è EllaOne. Il farmaco verrà venduto in farmacia con prescrizione medica. EllaOne è a base di ulipristal acetato, un antiprogestinico che inibisce o ritarda l'ovulazione. Nel caso in cui la fecondazione dell'ovulo è già avvenuta, la pillola non è efficace.

A differenza della pillola abortiva Ru486, che deve essere assunta entro le 72 ore da un rapporto sessuale non protetto, la pillola dei 5 giorni dopo è un contraccettivo d'emergenza efficace fino al quinto giorno successivo. Ma deve comunque essere presa il prima possibile affinché agisca il suo effetto anti-progesterone.

EllaOne ha avuto il via libera dell'Ema, l'agenzia europea per i medicinali, a maggio del 2009. Attualmente si trova in vendita nel Regno Unito, in Francia, in Germania e in Spagna, mentre negli Stati Uniti d'America la Food and Drug Administration ne ha autorizzato la commercializzazione ad agosto del 2010.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017