Excite

Coppia di anziani uccisi in casa: è giallo a Macerata

  • Sky.it

A meno di due mesi dal terribile massacro dei coniugi Burgato a Lignano, un nuovo duplice omicidio si è consumato nel maceratese: ancora una volta le vittime sono due anziani sorpresi nella loro abitazione e uccisi con violenza forse per una rapina finita male. E’ questa l'ipotesi più accreditata su cui stanno indagando gli inquirenti in seguito al ritrovamento dei corpi senza vita di Ada Cerquetti, 73 anni, e Paolo Marconi, 83, due agricoltori di Montelupone (Macerata) massacrati nel loro casolare di contrada Fonte Ianni.

Caccia al killer dei coniugi di Macerata: guarda il video

A scoprire i due cadaveri è stata la figlia della coppia, che si era recata a prenderli come ogni domenica mattina per accompagnarli in Chiesa alla messa domenicale. Su entrambi i corpi sono state trovate ferite da arma da taglio che fanno pensare ad una aggressione per rapina: il corpo di Paolo Marconi, malato di Alzheimer, è stato ritrovato all’esterno del casolare, forse perché intento a fuggire in cerca di aiuto o più semplicemente perché ha aperto la porta di casa al suo aguzzino. La vittima riporta diverse ferite sul corpo, così come la sua compagna, riversa in una pozza di sangue al momento del ritrovamento.

Risolto il giallo di Lignano: l'assassina è Lisandra Aguila Rico

L’aggressione sarebbe avvenuta di prima mattina, mentre i cadaveri sono stati rinvenuti intorno alle 10: se inizialmente era stata avanzata l’ipotesi di un omicidio-suicidio, le circostanze del massacro hanno subito deviato le tesi degli inquirenti verso un’aggressione esterna. A far pensare alla rapina, nonostante i coniugi non fossero conosciuti come persone molto benestanti, sono soprattutto le tracce lasciate dall’assassino (o dagli assassini) sulla scena del delitto.

Innanzitutto la casa ritrovata in disordine, anche se non sono stati riscontrati segni di effrazione, poiché evidentemente le vittime hanno aperto spontaneamente all'assassino. Le indagini sarebbero poi concentrate sul ritrovamento di diverse tracce, come il passaggio di un pneumatico nel cortile e di impronte di scarpe nell’abitazione. Forse anche un bastone sarebbe stato rinvenuto sul luogo del delitto, ma non si tratterebbe dell’arma del delitto, visto che i due coniugi sono morti per accoltellamento.

Ora a Macerata è caccia al killer, che ha anche cercato di dare fuoco alla casa dopo il duplice omicidio per cancellare le tracce, ma senza riuscirci, visto che il principio di incendio si è spento da solo. Sul posto sono arrivati anche i Ris di Roma, per effettuare i rilievi su tutta l'area circostante il casale, e il medico legale Antonio Tombolini: sarà lui a stabilire l'esatta causa della morte dei due coniugi. Un caso che sembra già destinato a trasformarsi in un giallo.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017