Excite

Corona detenuto modello va a messa, Alessandro Siani propone un film

  • Getty Images

Altro che gangster all'italiana, Fabrizio Corona sarebbe diventato un detenuto modello: messa da parte l'arroganza che ha mostrato perfino al suo rientro in Italia, quando lo hanno portato in manette a Busto Arsizio, l'ex re dei paparazzi si sarebbe dato una calmata. Lo conferma chi lo ha visto in carcere e ha potuto constatare l'atteggiamento del "nuovo Corona".

Fabrizio Corona in carcere: Belen se ne frega

Più dimesso, meno guascone, un detenuto che partecipa alla messa domenicale con gli altri reclusi e si dedica alle attività laboratoriali, come la produzione di cioccolato. Corona si sarebbe integrato senza troppa fatica nella nuova realtà: nonostante non gli sia ancora stata assegnata una cella definitiva, partecipa alle attività del carcere e non si lascia andare a sparate spettacolari, come ci si potrebbe aspettare da lui.

Intanto non accenna a sgonfiarsi l'eco mediatica suscitata dalla sua condanna a cinque anni, poi diventati sette e dieci mesi, per estorsione aggravata (vittima, l'ex bomber juventino David Trezeguet): la casa circondariale di Busto Arsizio è diventata meta di una specie di pellegrinaggio dei sostenitori di Corona, che manifestano il loro appoggio e protestano contro una sentenza giudicata troppo dura. Anche il centralino del carcere è stato preso di mira da sostenitrici del fotografo: sono soprattutto donne quelle che chiamano per chiedere un colloquio con Corona, un incontro per parlargli e mostrare il loro affetto nei confronti di quello che ritengono un "perseguitato" dalla giustizia.

Fabrizio Corona, l'ultima intervista esclusiva: "Belen sei speciale, continua così"

Si moltiplicano le dichiarazioni di solidarietà anche da parte di personaggi che con Corona hanno avuto a che fare. Se l'ex fidanzata Belen Rodriguez e l'ex moglie Nina Moric, hanno preso le sue difese, sono soprattutto i familiari di Fabrizio Corona a continuare la loro protesta contro la dura condanna inflitta all'imprenditore: dopo la richiesta della mamma Gabriella, che si è appellata al presidente Giorgio Napolitano affinchè gli conceda la grazia, il fratello minore ha preso le sue difese durante la puntata di Porta a porta dedicata proprio al caso Corona: "Mio fratello non è l’unico ad agire così, ma paga soltanto lui. Vittima del suo personaggio, una vita borderline, del suo sentirsi onnipotente - ha dichiarato Federico Corona - Sono consapevole che questa storia si sgonfierà e finirà nel dimenticatoio. Ma siamo pronti a raccogliere firme e organizzare manifestazioni per far sentire la nostra voce".

Intanto questa storia rocambolesca e tutto l'immaginario creato dal personaggio Corona sta affascinando anche il mondo dello spettacolo e non è detto che prima o poi non finisca per dientare un film, una fiction o qualcos'altro del genere. L'attore Alessandro Siani ha confessato a Chi di essere incuriosito dal caso. "Mi piacerebbe girare un film su Fabrizio Corona: è una classica maschera napoletana, perche' mescola il dolore alla risata - ha detto il comico partenopeo - Oppure mi piacerebbe fare uno spettacolo sulla politica, magari in coppia con Berlusconi: saremmo una grande coppia!".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017