Excite

Cosa succede al nostro cervello prima della morte?

  • Twitter @ExtremeTech

Paura e urla lasciano il campo alla sofferenza per poi cedere il passo definitivamente alla morte clinica e biologica: questa la successione di sensazioni, moti istintivi e risposte fisiologiche rilevata dal gruppo di scienziati statunitensi dell’American Chemical Society in sede di ricerca sulle reazioni del cervello umano agli eventi che precedono il decesso di una persona.

Ecco come i ricercatori riporteranno in vita i morti

Nel momento in cui la mente inizia a rilevare il pericolo legato alla possibile fine della vita terrena in conseguenza di patologie o incidenti letali, in testa all’uomo scatta una naturale emozione riconducibile al panico scaturito da gravi situazioni di difficoltà.

In un secondo momento, ma solo dopo l’attivazione dei meccanismi che portano al rilascio del glucosio, adrenalina e di altre sostanze prodotte dal funzionamento in condizioni straordinarie del sistema nervoso con conseguente stimolazione del talamo, i segnali di emergenza dei nicocettori si arrestano passando il testimone per qualche secondo allo stato di pre-morte.

(Ai confini dell’aldilà: esperienze di “pre morte” a confronto. Guarda il video)

In mezzo a queste due grandi fasi della transizione dell’apparato cerebrale verso il decesso biologico, c’è un intervallo assai significativo per quanto di breve durata: lo spavento e il dolore fisico arrivano ai massimi livelli traducendosi (per via dell’azione intensiva dell’amigdala) in alcuni casi in rantoli, lamenti o grida della persona in punto di morte.

Meccanismi analoghi se non del tutto identici a quelli innescati dal sistema nervoso del soggetto agonizzante sono poi riscontrabili in situazioni di grave rischio per la vita di un’altra persona.

Insomma, al di là delle conclusioni tecnicamente non del tutto “rivoluzionarie” a fronte di precedenti test sulla stessa materia di studio, sembra che con questo lavoro reso ufficiale e illustrato al termine di mesi e mesi di ricerche dal qualificato pool dell’American Chemical Society siano arrivate le ultime risposte, o meglio conferme, rispetto alla classica domanda su cosa succeda al cervello umano negli attimi precedenti al trapasso.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017