Excite

Crabzilla, granchio gigante immortalato dall’alto nelle acque inglesi: il nuovo fake scatena la rete

  • Youtube

La probabilità che la foto in questione sia uno dei tanti, più o meno creativi, fake veicolati online e destinati a scomparire nel giro di pochi giorni, è piuttosto elevata, ma intanto l’immagine del granchio gigante nelle acque di un porto britannico sta scatenando la fantasia del popolo della rete.

Trichechi piaggiati, le drammatiche immagini dall’Alaska sullo scioglimento dei ghiacciai

C’è chi all’esistenza della mostruosa creatura marina crede al 100%, chi invece ha voglia di scherzare e basta, qualcuno rimane scettico provando ad analizzare forma e grandezza del crostaceo, mentre la maggioranza degli utenti preferisce parlare di bufala bella e buona senza prestare minimamente attenzione ai dettagli degli scatti, veri o modificati che siano.

L’animale ha già conquistato la popolarità col nome di Crabzilla, in onore delle sue maestose dimensioni e del temibile aspetto immortalato dall’alto forse qualche settimana fa stando alle ricostruzioni circolate in queste ore.

(Il misterioso crostaceo nelle acque del Kent: in rete impazza la “leggenda” di Crabzilla)

Lo scalo portuale dove si sarebbe recentemente rifugiato l’enorme granchio dalla larghezza quantificata in circa 17 metri è quello di Whistable, nella regione inglese del Kent, candidata almeno secondo i più audaci “narratori” di questa sorta di nuova leggenda a fare le veci di Loch Ness con un misterioso essere vivente pronto ad apparire e scomparire al momento giusto sfuggendo agli obiettivi.

Le sembianze, ad ogni modo, sembrano riportare chiaramente ad un esemplare noto ai pescatori ed agli appassionati di mare in Gran Bretagna e non solo, ovvero un tipo di granchio commestibile e inoffensivo largo al massimo poco più di 25 centimetri.

In attesa che gli esperti di fake via web sgomberino il campo da equivoci mettendo una pietra sopra alla presunta esistenza reale di Crabzilla, l’occasione è ghiotta per tutti i patiti delle leggende metropolitane antiche o moderne.

Il dibattito sulla possibile avanzata del mostro delle acque britanniche nonché sull’eventuale presenza di altri esemplari simili di granchio gigante in giro per il mondo è ancora aperto, sui social network ed in altri angoli della rete.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017